• Programmatic
  • Engage conference

20/09/2019
di Alessandra La Rosa

Microsoft Advertising, novità per il targeting sugli annunci Search

I brand potranno indirizzare gli annunci anche in base ai prodotti visualizzati e a caratteristiche comuni degli utenti con i propri attuali consumatori

microsoft.jpg

Microsoft Advertising ha annunciato di aver reso disponibili in beta aperto alcune nuove funzioni di targeting delle audience per i suoi annunci Search. Adesso, le aziende potranno indirizzare le loro campagne Search al pubblico anche sulla base dei prodotti che le persone hanno visualizzato, e potranno anche decidere di targettizzare utenti simili ai loro attuali consumatori. Alla base del funzionamento di queste novità, il Microsoft Graph, che mette insieme i dati provenienti dalle varie property di Microsoft (Bing, Outlook, LinkedIn e Xbox), combinando le informazioni sulle intenzioni d'acquisto con altri insight di profilo, il tutto in maniera conforme al GDPR. I primi esperimenti effettuati hanno rivelato che targettizzando gli annunci search sulla base di prodotti precedentemente visualizzati si ha un raddoppio del tasso delle conversioni e un abbassamento del costo per acquisizione del 40%. Indirizzando invece le campagne a utenti simili agli attuali consumatori di un brand si ha un aumento del tasso delle conversioni di ben il 70%.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI