• Programmatic
  • Engage conference

07/05/2019
di Alessandra La Rosa

Il test di Mindshare e PepsiCo: campagne in programmatic più efficienti grazie alla blockchain

La centrale di GroupM ha sperimentato l'uso dei cosiddetti smart contract nell'erogazione di una campagna per l'azienda, all'interno del progetto "Project Proton"

Lo scorso settembre Mindshare aveva annunciato il lancio di un primo prototipo per un’alleanza che vedeva diverse società utilizzare la blockchain nell’ambito della pubblicità in programmatic. Si chiamava "Project Proton" e tra i suoi primi partner figuravano MediaMath, IAS e Rubicon Project. Costruito utilizzando la piattaforma blockchain di Zilliqa, il progetto era volto a creare un sistema di contratti intelligente per il mercato del programmatic, consentendo a tutti i player della catena del valore di avere maggiore trasparenza sui processi di compravendita. Adesso, la centrale di GroupM annuncia i risultati della prima campagna di test effettuata utilizzando questo prototipo. La campagna, realizzata per PepsiCo, ha visto un aumento del 28% dell'efficienza in termini di costi per impression viewable nel caso di campagne erogate utilizzando i cosiddetti "smart contracts", ossia dei protocolli intelligenti che automatizzano l'esecuzione dei contratti verificandone il corretto adempimento. In particolare, questi smart contract sono stati eseguiti tramite la tecnologia blockchain di Zilliqa e sono stati utilizzati per riconciliare le impression provenienti da varie sorgenti di dati e i pagamenti dell'acquisto pubblicitario. Il tutto quasi in tempo reale. Mettendo a paragone le campagne erogate con gli smart contract con quelle "tradizionali", è stato possibile evidenziare una significativa efficienza in termini di costi, oltre che una maggiore trasparenza per l'azienda inserzionista. «I risultati sono incoraggianti - ha commentato Farida Shakhshir, director of consumer engagement for PepsiCo per la regione AMENA -, e contiamo di condurre altre campagne sotto diverse condizioni per verificare altre ipotesi e misurare l'impatto complessivo». «Espanderemo l'alleanza - ha aggiunto Gowthaman Ragothaman, global lead for blockchain di GroupM - e continueremo a sviluppare ulteriori funzionalità sugli smart contract per includere ulteriori metriche delle performance media, al fine di rendere il progetto ancora più efficace».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI