• Programmatic
  • Engage conference

30/11/2018
di Alessandra La Rosa

Il Programmatic Director del Guardian: «Il mercato è "opaco by design"»

Secondo il manager, raggiungere la trasparenza nella pubblicità online è difficile. Ma una soluzione c'è, e non passa dalla blockchain. Questo ed altro nella nostra rassegna

Nella nostra rassegna di oggi spazio al tema della trasparenza, al mercato della Programmatic TV e ai nuovi step del progetto Advertising ID Consortium.

Daniel Spears, Programmatic Director del Guardian: «Il mercato è "opaco by design"»

Un mercato in salute è nutrito dalla fiducia dei suoi investitori, e la fiducia è costruita sull'affidabilità. Un assunto che vale anche per il mondo della pubblicità online, in cui gli "investitori" - siano essi aziende alla ricerca del ROI o editori che monetizzano le loro property - hanno a che fare con un certo livello di "opacità" dei processi che certo non giova al loro "sentiment" nei confronti del mercato. Questa opacità, secondo il Programmatic Director del Guardian Daniel Spears, è "by design", cioè insita nelle dinamiche del mercato stesso. Per questo, il raggiungimento della trasparenza non è cosa semplice, per quanto lo vogliano i diretti interessati. Ma una soluzione c'è, e non passa dalla blockchain. Leggi di più su ExchangeWire.

La spesa in Programmatic TV cresce: in USA toccherà i 4,7 miliardi di dollari nel 2020

In USA gli investimenti pubblicitari in Programmatic TV raggiungeranno nel 2020 i 4,7 miliardi di dollari, dall'attuale cifra di 1,7 miliardi. E' quanto prevede il nuovo report di eMarketer sull'Advanced TV, che ha indagato l'andamento del mercato anche per quanto riguarda la parte Addressable e OTT. Nel prossimo futuro, la maggior parte degli accordi di Programmatic TV verranno condotti privatamente, e concordati su regole di transazione tra selezionati inserzionisti e venditori, con garanzie di inventory e di prezzo. Leggi di più su eMarketer.

Prosegue il progetto Advertising ID Consortium

LiveRamp, dataxu e Index Exchange hanno lanciato la prima dimostrazione prativa dell'Advertising ID Consortium di cui fanno parte. Si tratta di un prodotto che posiziona l'IdentityLink di LiveRamp direttamente nei flussi d'asta, saltando così i processi di sincronizzazione dei cookie ticipamente richiesti per associare le informazioni contenute nelle DSP e nelle SSP. Intanto, Bill Simmons, co-fondatore e CTO di dataxu, si è unito al board del consorzio. Leggi di più su AdExchanger.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI