• Programmatic
  • Engage conference

05/09/2018
di Alessandra La Rosa

IAS lancia una soluzione che protegge la spesa pubblicitaria video delle aziende

Grazie a un nuovo tag, sarà possibile bloccare l'erogazione degli spot su spazi fraudolenti o non brand-safe. Gli inserzionisti potranno così evitare sprechi di investimenti

Integral Ad Science (IAS) lancia una nuova soluzione volta a proteggere la spesa pubblicitaria video delle aziende. Si tratta di un nuovo tag, costruito all'interno della tecnologia di bloccaggio della società per desktop e mobile web, e dedicato precisamente agli spot pubblicitari. Indipendentemente dall'ad server utilizzato, la soluzione consente di bloccare l'erogazione degli annunci laddove viene riconosciuto che lo spazio che la ospiterà non è brand-safe, o è fraudolento. In questo modo, consente alle aziende di evitare sprechi di investimenti pubblicitari, dal momento che i brand non sono tenuti a pagare l'ad server o l'editore se l'impression non viene erogata. Un recente report di IAS sulla qualità dei media ha svelato che aziende e agenzie che hanno lavorato in maniera proattiva per proteggere le loro campagne video dalle frodi hanno registrato una riduzione del 5,5% degli sprechi di investimenti, a confronto con chi non ha utilizzato alcuna tecnologia di prevenzione. E l'esigenza di protezione per gli inserzionisti è tanto maggiore quanto sono cospicui e in continua crescita gli investimenti in pubblicità video: secondo uno studio di WARC, quest'anno le aziende hanno speso in video adv circa 30 miliardi di dollari. «Dal momento che i brand stanno sempre più puntando sul video, essi hanno bisogno di una soluzione completa che li possa proteggere a livello globale nei vari canali e formati che utilizzano - commenta David Hahn, Chief Strategy Officer di IAS -. La nostra missione in IAS è di proteggere i clienti ovunque, ed avere una sofisticata soluzione di bloccaggio per l'ambiente video è fondamentale a questo scopo». La nuova soluzione di IAS è attualmente disponibile per tutti i clienti della società.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI