• Programmatic
  • Engage conference

27/11/2019
di Alessandra La Rosa

Google, stop ai "managed services" sulle sue piattaforme pubblicitarie

La decisione, per ora limitata solo agli USA, non consentirà più a brand e agenzie di affidare a personale interno di Big G la gestione delle proprie campagne sulle piattaforme ad tech della società

In occasione del recente Google Marketing Partners, il summit dedicato ad agenzie, società di consulenza e altri fornitori di servizi, Google ha annunciato alcune importanti novità. Stando a quanto riporta la testata AdExchanger, tra queste ci sarebbe la dismissione dei cosiddetti "managed services", un tipo di servizio nato in passato per promuovere le piattaforme programmatic di Big G, e che consente a brand e agenzie di affidare a personale interno di Google la gestione delle proprie campagne su Google Display & Video 360, Search Ads 360, Google Analytics 360 o Campaign Manager. Per il momento, la decisione di dismettere questi servizi è limitata ai soli Stati Uniti, e Google non ne ha annunciato una data ufficiale di termine. Tuttavia, come parte del processo di transizione, la società faciliterà il dialogo tra gli attuali clienti del programma e i propri Marketing Partner, con l'obiettivo di far loro acquisire i clienti che non seguirà più direttamente. Secondo quanto scrive la testata, i Managed Services di Google sono utilizzati attualmente dal 30% di brand e agenzie. Intanto, tra le altre novità annunciate da Big G, c'è anche una riorganizzazione dei criteri richiesti dai fornitori di servizi per diventare Premier Partner, il grado più alto di Marketing Partner solitamente affidato a quelle società che offrono competenze su un elevato numero di soluzioni e tecnologie Google. Il colosso di Mountain View riorganizzerà ora questi criteri in "menù" di servizi che i partner dovranno provare di poter offrire: dalla marketing strategy alle strategie di misurazione, dal design organizzativo ad altre ampie aree. Tali gruppi di servizi verranno poi mappati all'interno di un modello "di maturità" sviluppato internamente dalla stessa Google.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI