• Programmatic
  • Engage conference

30/08/2019
di Rosa Guerrieri

Campagne direct-to-consumer, su mobile le migliori performance. Lo dice uno studio

Secondo una ricerca di LiveIntent, su smartphone il CTR degli annunci delle aziende D2C è tre volte maggiore, e il tasso di conversione il 50% più alto

direct-to-consumer-d2c.jpg

I brand direct-to-consumer registrano livelli di conversione e click-through più alti su inventory mobile che su desktop. È quanto rivela uno studio di LiveIntent, condotto analizzando le performance delle campagne di marketing di aziende D2C erogate utilizzando la sua piattaforma, che raggiunge 250 milioni di contatti verificati al mese. Secondo la ricerca, su mobile il CTR dei brand direct-to-consumer è tre volte maggiore, e i tassi di conversione il 50% più alti, rispetto che su desktop. Il mobile, inoltre, ha mediamente costi minori: i risultati dello studio evidenziano che i brand D2C hanno cost per conversion (CPC) il 25% più bassi su mobile rispetto a quelli su pc. Tra le varie piattaforme mobile, da Apple provengono tre volte i click e le conversioni dei dispositivi Android. Quanto al genere dell'utenza, le donne rispondono agli annunci di brand D2C con click e conversioni due volte più alti degli uomini. In generale, le performance delle campagne direct-to-consumer sono migliorate rispetto all'anno scorso, con un +25% di click e un +35% di conversioni. Tra le categorie merceologiche, vincono scarpe e prodotti di bellezza, con 2,5 volte più click e conversioni rispetto alla media.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI