• Programmatic
  • Engage conference

29/08/2018
di Rosa Guerrieri

Bucksense firma una soluzione adv self-service per il social Grindr

La community LGBTQ+ potrà offrire i propri spazi adv ai brand di ogni tipo. Il CEO di Bucksense Carnevale: «Eliminare l’intermediario tra advertiser e publisher è utile quando le due parti si conoscono e desiderano lavorare assieme»

Un servizio innovativo, mirato a creare un ponte diretto tra la comunità LGBTQ+ e gli advertiser. Così la piattaforma programmatica Bucksense e Grindr, social network rivolto a un target maschile gay, bisessuale e transessuale, descrivono Grindrads.com, la nuova soluzione self-service che consentirà al social di offrire il proprio inventario pubblicitario direttamente agli advertiser di qualsiasi tipo di dimensione, budget e competenza a livello globale. La soluzione si appoggia a Directopub, la nuova piattaforma whitelabel di Bucksense che consente ai publisher di coprire l’intero spettro di opportunità relative alla relazione diretta con gli advertiser. "Gli advertiser che desiderano lanciare campagne su Grindr - spiegano le società in una nota - potranno farlo in modo rapido e semplice, raggiungendo l’audience corretta con l’appropriata inventory, evitando complessi e costosi step e touchpoint comuni nelle altre piattaforme". L'accordo non solo fornisce a tutti gli advertiser l’accesso diretto al grande potere d’acquisto della comunità LGBTQ+ ma, grazie a questa piattaforma self-service, permetterà anche alle piccole realtà aziendali LGBTQ, in possesso di budget limitati, di raggiungere direttamente la propria community. «Eliminare l’intermediario tra advertiser e publisher è utile quando le due parti si conoscono e desiderano lavorare assieme - dichiara Cristian Carnevale, CEO di Bucksense -. Grindr condivide la nostra visione secondo cui l’utilizzo appropriato della tecnologia può consentire agli advertiser in possesso di qualsiasi tipo di budget di raggiungere direttamente i publisher, anziché aggiungere ulteriori fasi e complessità a un processo che dovrebbe essere relativamente semplice». Per Grindr, questo servizio consentirà alla società di soddisfare le esigenze e le richieste degli advertiser più piccoli in modo economicamente vantaggioso per tutte le parti. «Siamo estremamente soddisfatti del progetto Directopub e di questa nuova partnership con il team Bucksense - dichiara James Hritz, Head of Monetization presso Grindr -. Il team di Bucksense è stato capace di mettere insieme una piattaforma totalmente personalizzata e un servizio per noi in pochissimo tempo. Ciò ci permetterà di crescere e di raggiungere un maggior fatturato, oltre a consentire al nostro team di focalizzarsi nel servire i nostri utenti con esperienze migliori e maggiormente localizzate, che è ciò che ci riesce meglio».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI