• Programmatic
  • Engage conference

04/06/2019
di Alessandra La Rosa

Apple punta sulla privacy al suo evento WWDC. Novità in vista per il tracciamento

Tra i prossimi lanci della società, anche un nuovo metodo di autenticazione che limita al minimo i dati personali rilasciati dagli utenti alle app terze. Ecco come funziona

Più controllo agli utenti sulla loro privacy, grazie a un nuovo sistema di log-in ad app e servizi che riduce al minimo la condivisione di informazioni personali. Apple continua la sua personale battaglia contro il tracciamento degli utenti da parte di terzi, cominciata con l’Intelligent Tracking Prevention di Safari, con una novità presentata lunedì in occasione della sua conferenza WWDC a San Jose. Si tratta della funzione - tecnicamente, un bottone - “Sign in with Apple”, che consente agli utenti di autenticarsi a programmi e servizi attraverso il Face ID di Apple, senza la necessità di condividere altre informazioni personali. Costituisce di fatto un'alternativa ai metodi di log-in attraverso gli account Facebook e Google disponibili su svariate app, utili ad avere accesso rapido a servizi senza la necessità di creare nuovi account e ricordare password in più, ma che, ha sottolineato Craig Federighi, SVP of software engineering di Apple in occasione della presentazione del pulsante Apple, "hanno un costo in termini di privacy". Ecco come funziona il nuovo pulsante. Una volta autenticatisi con il loro Face ID, gli utenti accedono all'app con un account nuovo, e possono a questo punto scegliere se dare nome e indirizzo email al programma che stanno usando, o no. In quest'ultimo caso, Apple provvederà a creare autonomamente un indirizzo email unico (un insieme a caso di lettere e numeri) che inoltrerà all'indirizzo di posta reale dell'utente. Per ciascuna app verrà creato un indirizzo diverso, e proprio questa caratteristica consentirà alla singola app di potere dialogare con l'utente, ma d'altro canto renderà praticamente impossibile associare l'email a uno specifico dispositivo.

Apple: controlli più granulari sui dati di posizione

La funzione, che diventerà operativa a partire da questo autunno con la versione 13 di iOS, non è la sola novità annunciata dalla società di Cupertino in occasione del suo evento. iOS 13 includerà infatti anche controlli più granulari sul tracciamento della posizione degli utenti. Gli utenti potranno infatti condividere la propria posizione con un'app una prima volta, e poi impostare che l'app la richieda per tutti gli accessi successivi. La persona potrà anche decidere di dare autorizzazione affinché il software faccia un tracciamento continuo in background (cioè quando l'app non è in uso), ma in quel caso Apple fornirà all'utente un report sull'utilizzo che l'app sta facendo di quel dato. Apple limiterà anche l'adozione da parte delle app terze di tecniche opache stile-fingerprinting, che utilizzano informazioni come i segnali Bluetooth o Wi-Fi per individuare la posizione di un utente.

Nuove linee guida per chi sviluppa app per i bambini sullo Store di Apple

La società ha infine aggiornato le linee guida per le app dedicate ai bambini presenti sul suo App Store. Tali software non dovranno più contenere "link che portano fuori dall'app, occasioni di acquisto o altre distrazioni per i bambini", recitano le nuove direttive per gli sviluppatori, e "non dovranno includere pubblicità di terze parti o servizi di analytics", pena l'esclusione dallo store.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI