WhatsApp Business introduce i primi servizi a pagamento per le aziende

Facebook ha deciso di iniziare a monetizzare l’app di messaggistica acquistata quattro anni fa per 19 miliardi di dollari. Tre le nuove funzioni a disposizione delle aziende

di Caterina Varpi
02 agosto 2018
whatsapp-business

Facebook ha deciso di iniziare a monetizzare WhattsApp e così ad iniziare a ripagare l’acquisizione da 19 miliardi di dollari dell’app di messaggistica, avvenuta a inizio 2014.

WhatsApp Business fornirà presto alle aziende nuovi servizi per comunicare con i clienti. Alcuni di questi servizi saranno a pagamento per i brand.

Il blog post ufficiale spiega che “dopo il lancio dell’applicazione, i nostri utenti ci hanno detto che il modo più semplice e veloce per interagire con le aziende è chattare, piuttosto che telefonare o inviare un’email”.

WhatsApp Business  ha dunque attivato tre nuove funzioni.

Per richiedere informazioni utili, ad esempio su una consegna o su un carta di imbarco, l’utente può ora fornire il proprio numero di cellulare tramite il sito web, l’applicazione o il negozio online dell’azienda, per ricevere i dati che occorrono direttamente su WhatsApp.

Inoltre, se su un sito web o su un’inserzione su Facebook è presente il tasto Clicca per chattare, l’utente potrà inviare un messaggio all’azienda anche se non si ha il numero di telefono in rubrica.

Infine, alcune aziende forniscono assistenza in tempo reale su WhatsApp per rispondere a domande sui loro prodotti o per aiutare a risolvere un problema.

Gli utenti, spiega in comunicato, possono continuare ad avere pieno controllo sui messaggi che ricevono. Le aziende dovranno pagare per inviare determinati messaggi. Tutti i messaggi scambiati tra il servizio clienti e il cliente saranno gratuiti fino a 24 ore, dopodiché ci sarà un costo fisso per messaggio. Questo grazie alle Api, grazie a cui WhatsApp sarà integrabile con alcuni software CRM, consentendo alle aziende di conservare all’interno di un stesso database tutte le informazioni e le conversazioni avute col cliente, siano esse avvenute tramite telefono, email oppure WhatsApp.

Inoltre, i messaggi continueranno a essere crittografati end-to-end e si potrà bloccare qualsiasi azienda semplicemente toccando un tasto, conclude la nota.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.