Web Marketing Festival, il punto su e-commerce, pubblicità online, IoT e blockchain

Nel suo intervento, Andrea Lamperti, Direttore degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, analizza le principali aree dell’economia digitale

di Cosimo Vestito
21 giugno 2018
Andrea Lamperti-web marketing festival
Andrea Lamperti

Commercio elettronico, comunicazione sui media, internet delle cose e blockchain. Sono i quattro temi discussi da Andrea Lamperti, Direttore degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, nel corso del suo intervento alla prima giornata del Web Marketing Festival 2018 (leggi l’articolo dedicato all’evento).

Lo stato dell’e-commerce in Italia

Per quanto riguarda l’e-commerce, Lamperti ha evidenziato che in Italia, nel 2017, il 6% di tutti gli acquisti è stato effettuato attraverso canali digitali. Il valore di questo mercato è di 27 miliardi di euro, in crescita del 15% rispetto al periodo precedente.

In passato erano i servizi ad essere comprati maggiormente su internet ma ora, con una netta inversione di tendenza, prevale l’acquisto di prodotti fisici. Informatica, arredamento, cibo e abbigliamento sono le categorie merceologiche in cui le transazioni sono più numerose.

Pubblicità online: un mercato iperconcentrato

Dal lato media, confermata l’ascesa dell’online nella comunicazione pubblicitaria. I canali digitali valgono oltre un terzo del media mix degli inserzionisti italiani, a fronte di una tenuta del mezzo televisivo e di una contrazione continua della stampa. A trainare la crescita degli annunci su internet è il formato video, con tutte le sue incarnazioni.

Ma questo mercato, ha ancora una volta chiosato Lamperti, è concentrato nel business di pochissimi operatori. Basta considerare un dato: il 71% della raccolta pubblicitaria in Italia è effettuato dalle compagnie over-the-top.

L’IoT cambia la nostra quotidianità

I progetti legati all’internet delle cose valevano, a fine 2017, 3,7 miliardi di euro. Nello specifico, l’area in cui si sono concentrati gli investimenti è lo “smart metering”, ovvero la misurazione intelligente, come i contatori delle utenze di ultima generazione.

Dal punto di vista della consumatore, sono di particolare interesse i comparti delle “smart car”, ovvero tutte le tecnologie e le innovazioni applicate all’automobile, delle “smart home” (domotica e affini), degli “smart building”, con riferimento a interi edifici, e delle “smart city”, con applicazioni riguardanti, per esempio, l’illuminazione pubblica.

Nella blockchain prevale la finanza

Infine, nel suo intervento al Web Marketing Festival Lamperti ha descritto le prospettive e i vantaggi della tecnologia blockchain, intesa non come mera tecnologia abilitatrice delle criptovalute ma di un cambio di paradigma da un «internet fatto di connessioni a un internet fatto di trasmissioni di valori».

L’implementazione di un registro di informazioni in possesso di tutti gli elementi di una filiera, e quindi di un sistema decentralizzato, consente una gestione collettiva delle informazioni. Secondo uno studio condotto a livello globale su centinaia di casi di utilizzo, la blockchain è applicata oltre la metà delle volte in ambito finanziario, il restante utilizzo è invece diffuso su una moltitudine di ambiti.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.