Arriva il nuovo Cosmopolitan.it, più mobile e native oriented

Il nuovo website è il primo tra i siti internazionali Cosmo non in lingua inglese a utilizzare la piattaforma RAMS proprietaria. Integrata inoltre la tecnologia video Brightcove. La crescita della raccolta prevista, grazie anche a questo lancio, è del 50%

di Teresa Nappi
04 febbraio 2015
Cosmopolitan.it-restyling-Hearst-Magazines-Italia-lancio-febbraio2015
La nuova home page di Cosmopolitan.it

Hearst Magazines Italia lancia con un evento a Milano il nuovo Cosmopolitan.it.

Il sito – a una prima occhiata – conferma e rafforza la propria vocazione al native advertising e il legame con la propria community. Tutto questo mentre strizza l’occhio al mobile.

«La forza del nostro media brand Cosmo, il mensile femminile più ricco di storia e più letto al mondo, è il suo essere un vero e proprio lovemark multipiattaforma. Ci piace definire Cosmopolitan un Rock Brand perché il rapporto con le nostre lettrici, le nostre followers è un po’ quello che si instaura tra una band e le sue fan. Cosmo è come un quartetto composto da carta, web, tablet e smartphone, un gruppo musicale in cui ogni elemento suono in perfetta armonia», ha dichiarato in prima battuta la direttrice Francesca Delogu.

Il lancio di Cosmopolitan.it, che segue quello di Marieclaire.it, conferma l’accelerazione sul fronte digitale del gruppo editoriale, che conferma ancora una volta di voler aumentare il peso di internet, anche dal punto di vista pubblicitario.

Già lo scorso anno, in particolare per Cosmopolitan, il digitale valeva circa il 20% dell’intera raccolta imputabile al brand, come dichiarato da Marco Cancellieri, direttore generale pubblicità di Hearst Magazines Italia in una precedente intervista. Proprio lui, in quell’occasione, aveva inoltre non solo anticipato questo lancio, ma anche specificato: «Saremo tra le country leader per il progetto di internazionalizzazione di Cosmopolitan dal punto di vista tecnologico. Questo in pratica significa che la casa madre americana ci ha scelto come Paese Premium, fatto che già di per sé rappresenta per noi una grande soddisfazione». Un fatto quest’ultimo, confermato da Giacomo Moletto, a.d. di Hearst Magazines Italia, in apertura di conferenza.Il nuovo Cosmopolitan.it è infatti il primo tra i siti internazionali non in lingua inglese a utilizzare la piattaforma RAMS proprietaria, che permette sharing immediato di contenuti tra tutte le 62 edizioni internazionali. Ma non solo: utilizza la tecnologia video Brightcove, per video integrati nel contesto editoriale, in armonia con il tutto.

E’ inoltre Mobile First. Total responsive, è infatti pensato soprattutto per un utilizzo mobile, in grado di organizzare la struttura dei contenuti a seconda del device utilizzato. Da mobile, da quando è stato lanciato a novembre in versione beta, è già arrivato al 50% di accessi unici.

Amplifica inoltre all’ennesima potenza l’interazione con la propria community, fatta di vere e proprie fan del brand, grazie a un’architettura facile e divertente da usare e a mille contenuti editoriali perfetti per la call to action: test, quiz, tanti nuovi modi per giocare con il brand e rendere le lettrici sempre più protagoniste. Inoltre, Cosmopolitan.it offre ovunque pulsanti di condivisione all’interno delle diverse aree, tutti connessi con i principali social network.

Infine, porta ai massimi livelli l’engagement delle lettrici, anche rispetto ai contenuti di brand: sul nuovo sito di Cosmo i contenuti di native advertising sono naturalmente inseriti nella navigazione a partire dalla testata della home page personalizzabile a quattro mani con la redazione (Branded Header).

L’obiettivo è dunque coinvolgere e tradurre anche online la forza del “Rock b(R)and” della carta stampata, che trova ormai nel web, negli smartphone e nei tablet i componenti necessari per configurarsi come una band armonia, ma forte. Un parallelismo con la musica che per un attimo nel corso della conferenza si è tradotto in reale affinità con gli Shout, gruppo musicale che vede come bassista la stessa direttrice di Cosmo.

Marco Cancellieri

A fronte di questo lancio, Marco Cancellieri, ai margini della conferenza di lancio del nuovo Cosmo.it dichiara: «La crescita della raccolta prevista per quest’anno, grazie al rilancio e all’utilizzo della nuova piattaforma, è del 50%. Il 2014 si è chiuso in particolare con una crescita vicina al +30% con una quota del digital pari al 17% sul totale raccolta del brand Cosmopolitan e un’incidenza delle iniziative speciali superiore al 50%».

Approfittando dell’occasione, abbiamo infine chiesto a Cancellieri il peso che riveste Cosmo sul totale della raccolta digital del Gruppo: «In questo caso la percentuale supera di poco il 10%», conclude il manager.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.