Mondadori, nel 2018 nuove acquisizioni nel settore digital

Dopo avere annunciato di recente l’ingresso nel gruppo di Design d’Autore e del sito Oroscopo.it, l’editore si prepara ad allargare ulteriormente il network

di Andrea Salvadori
22 marzo 2018
Carlo-Mandelli
Carlo Mandelli

Se il 2017 è stato l’anno del lancio di due nuovi magazine cartacei, il mensile Giallo Zafferano prima e il settimanale di gossip Spy poi, nel 2018 Mondadori amplierà la sua presenza sul mercato soprattutto in ambito digitale.

«Abbiamo già annunciato le acquisizioni di Design d’Autore e del sito Oroscopo.it», spiega Carlo Mandelli, direttore generale Periodici Italia a margine della presentazione della nuova edizione di Panorama d’Italia (qui l’articolo sul progetto). «Il primo è un sistema social internazionale dedicato al mondo del design, grazie al quale la nostra offerta editoriale dedicato al settore, di cui fanno parte testate come Interni e Icon Design, compie un deciso passo in avanti nel digitale. Oroscopo.it sarà invece presto oggetto di un riposizionamento e andrà così rafforzare il nostro network di femminili».

Nel corso dell’anno, il gruppo editoriale che fa capo a Fininvest annuncerà dunque nuove operazioni. «Guardiamo in particolare ancora al settore del design, dove siamo leader in edicola e sul territorio ma dove abbiamo necessità di crescere nel digitale», continua Mandelli, confermando l’orientamento strategico annunciato dall’a.d. Ernesto Mauri in occasione della presentazione del bilancio 2017.

Mondadori continua infatti a puntare sullo sviluppo dei suoi brand più importanti, come avvenuto lo scorso anno con Giallo Zafferano, un marchio digitale diventato poi un magazine cartaceo, una collana di libri e, di recente, una trasmissione televisiva. «Anche Focus, una testata che abbiamo in casa da circa 4 anni, sarà oggetto di un progetto di crescita multimediale, soprattutto sul fronte degli eventi rivolti al target dei ragazzi». Senza dimenticare che presto il canale televisivo, sino ad oggi gestito da Discovery, passerà a Mediaset per andare in onda probabilmente su un Lcn posizionato più avanti di quello attuale, il 56.

Il 2018 sarà quindi l’anno degli 80 anni di Grazia e dei 30 anni di Donna Moderna, per i quali l’editore ha in programma tante iniziative dedicate, mentre per Panorama, che vive non poche difficoltà in edicola, la scelta di Mondadori è quella di dare vita ad iniziative che sfruttino il brand in maniera redditizia. «Non nel digital», dice Mandelli, «dove esistono brand più affermati come, guardando a casa nostra,  il TgCom 24», di cui Mediamond gestisce la raccolta pubblicitaria. «Quanto sul territorio, come dimostra il progetto Panorama d’Italia, in grado lo scorso anno di raccogliere più di 4 milioni di euro».

Sul fronte pubblicitario, aggiunge Davide Mondo, amministratore delegato proprio di Mediamond, «il mercato non è partito bene nel 2018, come dimostrano i dati Nielsen, sia per la stampa periodica sia per il digital. Noi otteniamo risultati migliori del settore e questo rimane il nostro obiettivo nel corso dell’anno».

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial