L’attività di IAP nel 2019: sul digital bloccato l’8% delle campagne esaminate

In generale, lo scorso anno sono state emesse 43 ingiunzioni di desistenza dal Comitato di Controllo. I mezzi più coinvolti dai provvedimenti del Giurì, invece, sono stati tv, internet e confezioni

di Teresa Nappi
21 maggio 2020
advertising-mercato-pubblicitario

Si è svolta il 20 maggio l’Assemblea dell’Istituto dell’Autodisciplina pubblicitaria nella quale è stato presentato il resoconto relativo all’esercizio 2019.

Il primo dato conferma la valenza dell’Autodisciplina quale servizio per l’intera collettività dal momento che il 93% dei casi ha riguardato temi e questioni che attengono alla tutela del consumatore.

Con il numero dei casi gestiti nel 2019, sono stati raggiunti circa 29.000 interventi dalla costituzione dello IAP nel 1966.

L’attività del Comitato di Controllo

Nel 2019 il Comitato di Controllo ha rilasciato 142 pareri preventivi, lo strumento che permette di verificare la conformità alle norme del Codice dei messaggi pubblicitari prima della loro diffusione.

Il 77,3% dei pareri preventivi è stato rilasciato in un giorno lavorativo.

Da rilevare l’elevato numero di casi risolti in via breve (732), principalmente come esito delle attività di monitoraggio interno (74%) in relazione a casi risolti con l’archiviazione o con il dialogo con gli inserzionisti.

IAP-Resoconto 2019-Esiti-Comitato di Controllo

Il 76% dei casi è risultato conforme alle norme del Codice e archiviato, il 15% modificato dall’inserzionista su richiesta del Comitato di Controllo e una limitata parte (il 9%) è risultata fuori la giurisdizione del sistema autodisciplinare.

Altro discorso per quanto riguarda i casi di manifesta violazione delle norme del Codice, nei confronti dei quali il Comitato di Controllo può emettere provvedimenti formali per bloccare l’ulteriore diffusione del messaggio.

Nel 2019 sono state emesse 43 ingiunzioni di desistenza.

Una specifica area di tutela su cui il Comitato è intervenuto con i propri provvedimenti è la trasparenza della comunicazione commerciale (36%), dato che evidenzia l’impegno dell’Istituto affinché la pubblicità sia sempre riconoscibile come tale, anche sui social network.

L’attività del Giurì

Nel 2019 il Giurì ha emesso 28 pronunce, 16 su istanza di parte e 12 su istanza del Comitato.

Il dato sui tempi di intervento, che misura l’efficienza del sistema, conferma il trend degli ultimi anni con tempi di risoluzione delle controversie nell’82% dei casi tra gli 8 e gli 11 giorni liberi lavorativi.

I mezzi maggiormente coinvolti dai provvedimenti del Giurì sono stati la tv (41%), seguita da internet e confezioni (entrambe nel 16% dei casi).

IAP-Resoconto 2019-Esiti-Giurì

La Digital Chart

Dopo il suo esordio nel 2016 come testo di riferimento per il settore, da circa un anno la Digital Chart è diventata parte integrante del Codice di Autodisciplina come Regolamento per la trasparenza nella comunicazione commerciale digitale e quindi vincolante.

IAP-Resoconto-2019-Digital-Chart

L’attività degli organismi autodisciplinari in quest’ambito si è sostanziata nell’esame di 216 casi. L’8% di questi è stato bloccato da un provvedimento del Comitato di Controllo o del Giurì per violazione del Regolamento, il 29% è stato modificato dall’inserzionista su richiesta del Comitato e il 58% è stato invece ritenuto conforme alle norme del Codice.

Circa il 30% dei casi ha avuto origine da segnalazioni da parte degli utenti dei social, segno di una crescente consapevolezza da parte di tutti sul tema.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial