Gruppo Ebuzzing & Teads lancia “Teads Elite”, il global video network per i brand del lusso

Sviluppato in partnership con i siti web delle testate più prestigiose in 43 Paesi del mondo, attraverso il formato inRead consente ai brand di fascia premium di valorizzare le campagne video online. Tra i primi clienti Gucci, Cartier e Breitling

di Simone Freddi
11 aprile 2014
Pierre Chappaz
Pierre Chappaz

Un video network internazionale, sulle pagine web delle testate più prestigiose, pensato su misura per le esigenze dei brand “Top di gamma“. E’ “Teads Elite”, il nuovo video network globale lanciato da Gruppo Ebuzzing & Teads, leader nel settore dell’advertising video online.

Sviluppato in partnership con siti premium di oltre 43 nazioni – tra cui ci sono, tra gli altri, La Stampa, Repubblica, Le Monde, Le Figaro, The Guardian, The Economist, Reuters, Forbes, Nikkei, El Mundo – “Teads Elite” nasce dalla sintesi dell’esperienza nel video advertising di Ebuzzing e Teads (che a fine marzo hanno annunciato la fusione nel nuovo Gruppo Ebuzzing & Teads) ed è stato presentato durante il Festival of Media di Roma da Pierre Chappaz, co-fondatore, chairman, presidente e ceo del Gruppo Ebuzzing & Teads.

«Il premium video advertising è la prossima grande novità nel mondo del digital advertising – ha dichiarato Pierre Chappaz -. I brand di lusso sono interessati solo a siti e ambienti esclusivi, con traffico di qualità. Questa release ci consente di mettere a disposizione un network in grado di soddisfare qualsiasi tipo di bisogno in termini di strategie di posizionamento e distribuzione».

Il network di “Teads Elite”

“Teads Elite” è già stato testato per campagne internazionali da prestigiose firme come Breitling, Cartier e Gucci -. Grazie a questa nuova opportunità i brand possono raggiungere, in maniera efficiente, gli utenti e i lettori che navigano sui siti più importanti al mondo, tramite l’inRead, un ad video format innovativo che si posiziona direttamente nel cuore del contenuto editoriale, ad esempio tra due paragrafi di un articolo. E’ un formato “view-to-play”, l’audio parte solo a mouse over e si attiva solo se l’utente è con lo sguardo perfettamente parallelo al video.

Quando lo user scrolla la pagina, e il branded content esce dalla visuale, la fruizione dello stesso si blocca. Ultimo dettaglio, ma non meno importante, è la possibilità di “skippare” lo spot in qualsiasi momento.

A colloquio con Pierre Chappaz al Festival of Media

Il formato inRead, come ci ha spiegato Pierre Chappaz a Roma durante il Festival of Media, si inserisce perfettamente all’interno del trend emergente del Native advertising: una forma di comunicazione sempre più apprezzata da aziende ed editori perché non interrompe l’esperienza utente e si integra nei contenuti. «La sua natura non intrusiva consente a inRead di essere ben accettato dagli utenti, e permette ai siti web di generare revenue incrementali. Il network globale “Teads Elite” è essenzialmente pensato per risolvere i bisogni dei premium brand che vogliono posizionarsi sui siti di fascia alta. Grazie a questo innovativo network, avranno il canale giusto per valorizzare le loro campagne di video advertising in tutto il mondo».

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.