Gruppo 24 Ore torna all’utile nel 2017 e rivede al ribasso le stime sui ricavi

La società guidata dall’a.d. Franco Mascetti chiude il 2017 con un risultato netto consolidato positivo per 7,5 milioni

di Lorenzo Mosciatti
27 marzo 2018
franco moscetti-il sole 24 ore
Franco Moscetti

Gruppo 24 Ore torna in utile nel 2017 ma aggiorna il suo piano industriale alla luce di un andamento dei ricavi meno positivo di quanto previsto confermando comunque gli obiettivi di redditività.

La società guidata dall’a.d. Franco Mascetti chiude il 2017 con un risultato netto consolidato positivo per 7,5 milioni, un dato in forte miglioramento rispetto alla perdita di 92,6 milioni registrata nel 2016. Il risultato è stato possibile grazie all’aumento di capitale di 50 milioni di euro varato nei mesi scorsi e alla cessione del 49% del capitale della Business School.

I ricavi consolidati del gruppo editoriale sono stati pari a 229,9 milioni di euro, in calo del 13,5%. Tale variazione è dovuta in particolare alla diminuzione dei ricavi editoriali, pari a 15,9 milioni di euro (-13,2%), al calo dei ricavi pubblicitari pari a 10,3 milioni di euro (-8,8%) e al decremento degli altri ricavi per 9,7 milioni di euro, di cui 3,8 milioni relativi al mandato di vendita dei prodotti software Tss e alla riduzione dei ricavi dell’area Cultura. Nel quarto trimestre 2017, la variazione dei ricavi pubblicitari è stata pari al -4,5% con un miglioramento dunque del trend rispetto al calo registrato nel primo semestre 2017 (-11,5%).

La diffusione cartacea media per l’anno 2017 è stata pari a circa 91 mila copie, in decremento del 23,8% rispetto al 2016. La diffusione digitale media è stata di circa 86 mila copie (+0,2% vs 2016). La diffusione cartacea sommata a quella digitale è complessivamente pari a 177 mila copie medie (-13,7%). Relativamente alle copie vendute medie nell’anno 2017, le cartacee sono pari a 79 mila copie (-21,5%).

Nei primi due mesi del 2018 il gruppo rileva ricavi in flessione rispetto all’anno precedente, principalmente in relazione alla prevista contrazione dei ricavi diffusionali e alla minore raccolta pubblicitaria.  Su questo ultimo risultato impattano due condizioni negative comuni al resto del mercato: le elezioni politiche storicamente portano ad una riduzione dell’investimento pubblicitario commerciale nazionale, effetto però in questo periodo rafforzato dalla mancata emissione del decreto attuativo della legge del 21 giugno 2017 che prevedeva incentivi fiscali agli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani e periodici, così come su altri media.

Il nuovo Piano Pluriennale 2018-2021

Il CdA del gruppo ha quindi deciso di varare un nuovo Piano Pluriennale 2018-2021 e di aggiornae così il precedente Piano 2017-2020 approvato lo scorso settembre.  Il budget 2018 conferma sostanzialmente i dati di redditività già previsti nel Piano 2017- 2020, nonostante ricavi inferiori a quota 223 milioni di euro (di cui 98 milioni garantiti dal quotidiano) contro i 232 previsti a settembre, con un maggior assorbimento di cassa per circa 9 milioni dovuto principalmente all’anticipazione della riduzione degli organici, prevedendo una posizione finanziaria netta negativa alla fine dell’esercizio. Nel 2020 la posizione finanziaria netta ritornerà invece positiva.

Il Sole 24 Ore fa quindi sapere di avere accettato da Di Source “l’offerta risarcitoria di euro 2.961.079,90 euro, esattamente corrispondente all’importo del danno patrimoniale come ipotizzato nell’ambito del procedimento penale pendente presso la Procura della Repubblica di Milano”. Di Source è la società inglese incaricata di gestire gli abbonamenti digitali all’estero fra il 2013 e il 2016. Con l’accordo, Gruppo 24 Ore chiude il caso degli oltre 109mila abbonamenti digitali fantasma che, secondo la Procura di Milano, erano stati creati solo per migliorare i conti 2015 del gruppo.

 

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.