Fabrizio Piscopo (Rai Pubblicità): raccolti dai Mondiali 76 milioni di euro

Superate di 6 milioni le aspettative per Brasile 2014. Dopo un Q1 a +4,1% e aprile e maggio «incerti», il primo semestre della concessionaria sarà in crescita del 4%

di Alessandra La Rosa
26 giugno 2014
Fabrizio-Piscopo
Fabrizio Piscopo

I Mondiali di Calcio sono andati male all’Italia, eliminata nel suo girone di riferimento, ma sono sicuramente andati bene a Rai Pubblicità.

La raccolta pubblicitaria della Rai in occasione della World Cup tuttora in corso ha infatti raggiunto una cifra ben oltre le aspettative della concessionaria, e che ha di gran lunga superato quella registrata per i precedenti Mondiali di Calcio, giocati in Sudafrica quattro anni fa.

A dirlo, in occasione della presentazione dei palinsesti 2014/2015 delle reti Rai, è stato l’a.d. della concessionaria Fabrizio Piscopo, il quale ha peraltro sottolineato come anche i dati di ascolto delle partite siano stati molto soddisfacenti. «L’esclusione della Nazionale Italiana dalle fasi finali del torneo non avrà ripercussioni sulla raccolta – ha aggiunto -. Abbiamo infatti notato come il seguito televisivo dei Mondiali non sia legato solo alle partite degli Azzurri ma anche a quelle di tante altre squadre. Il Mondiale, insomma, non è ancora finito. Certo, abbiamo ancora qualche spazio da vendere sulle partite finali, ma è ben poca cosa rispetto a quello che abbiamo raccolto finora».

Le cifre rivelate dall’a.d. parlano chiaro: 76 milioni di euro di raccolta da Brasile 2014, una quota record che supera di 14 milioni quella relativa ai Mondiali sudafricani (che era stata di 62 milioni) e oltre 230 clienti, di cui più di 100 in esclusiva. «Numeri che vanno ben oltre le aspettative che ci eravamo prefissati – ha specificato Piscopo -. Abbiamo superato di 6 milioni i nostri obiettivi di raccolta».

In occasione del suo intervento alla presentazione dei palinsesti, l’a.d. di Rai Pubblicità ha anche tracciato un quadro dell’andamento della concessionaria in questa prima metà dell’anno: «Nel primo trimestre abbiamo messo a segno una crescita del 4,1% e nonostante aprile e maggio siano stati due mesi più incerti, il bilancio semestrale si chiuderà comunque con una crescita del 4%. Malgrado le stime di mercato prevedano un -2% per il 2014, Rai Pubblicità dovrebbe comunque chiudere l’anno in positivo».

Intanto, Piscopo ha annunciato il ritorno sugli schermi di Carosello, che dopo la pausa estiva verrà riproposto con la consueta formula a partire dal 20 settembre.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.