Exor, per Gedi chiusura con Cir il 23 aprile. Operazione da oltre 100 milioni

Una volta completata l’operazione, la finanziaria della famiglia Agnelli lancerà un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria sulle azioni del gruppo editoriale non già detenute

di Lorenzo Mosciatti
06 aprile 2020
John Elkann
John Elkann

Cir conclude la vendita a Exor del pacchetto di controllo di Gedi, il gruppo che edita tra gli altri i tre quotidiani nazionali la Repubblica, La Stampa e Il Secolo XIX.

“A seguito del rilascio delle necessarie autorizzazioni da parte delle competenti autorità, incluse la Commissione Europea e l’AgCom, Cir ed Exor comunicano che il perfezionamento dell’operazione annunciata il 2 dicembre 2019, relativa all’acquisto da parte di Exor della partecipazione pari al 43,78% del capitale di Gefi Gruppo Editoriale detenuta da Cir avverrà il 23 aprile 2020, al prezzo di 0,46 per azione, che corrisponde a un ammontare di 102,4 milioni”, si legge in una nota congiunta delle due società.

Una volta completata l’operazione di acquisto, “Exor provvederà, per il tramite di una società per azioni di nuova costituzione, a promuovere un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria sulle azioni Gedi in circolazione non già detenute, secondo le modalità e i tempi previsti dalle normative vigenti e alle stesse condizioni già ricordate”, ovvero  ad un prezzo di 0,46 euro per azione.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial