Email marketing: come renderlo mobile friendly

L’email rimane uno dei canali di digital marketing a più alto Roi, ma non si può non tener conto delle mutate abitudini d’apertura. Da Valentina Santandrea di Diennea MagNews, ecco qualche consiglio per affrontare il nuovo scenario

di Valentina Santandrea
08 luglio 2014
mobile-email-marketing

Secondo le più recenti ricerche Nielsen, gli utilizzatori di device mobile nei principali paesi del mondo crescono consistentemente, mentre il numero di utilizzatori dei pc risulta calato nel 2013 (in Italia -2,7% da settembre 2012 a settembre 2013).

Tra le “piazze” digitali che sono state investite in pieno dal fenomeno del mobile, c’è anche la cara, vecchia e rassicurante email, che, forse proprio grazie alla sua versatilità, rimane uno dei canali di digital marketing a più alto ROI.

L’evidenza che lettura delle email avviene in larga parte da mobile (sapendo che il trend è in ascesa) conduce a due considerazioni fondamentali.

In primo luogo, il nostro approccio strategico non può non tener conto delle mutate abitudini di apertura. Persino se abbiamo un modello di business b2b, e facciamo email marketing su un target che ci legge dall’ufficio, avremo notato che le email aziendali non vengono più fruite solo da desktop, ma anche da mobile, anche se in misura inferiore rispetto al b2c. Gli orari di apertura delle nostre email si dilatano ampiamente e abbiamo l’opportunità di comunicare in tempo reale, ma vi è anche un calo dell’attenzione (pensate  per esempio all’overload di notifiche che ricevete come utenti, a tutte le ore). Come possiamo recuperarla? Testando, ottimizzando, analizzando i risultati e ripartendo da capo. Ogni industry ha le sue particolarità, così come ogni target. Secondo la nostra ricerca Email Marketing & Co., condotta con l’istituto di ricerca Nielsen nel 2013, non solo vi sono oscillazioni “generazionali” nell’apertura delle email dallo smartphone, ma c’era anche uno scarto di genere: nel 2013 erano il 60% degli uomini intervistati, contro il 48% delle donne, ad aver dichiarato di leggere la posta da mobile. La prima cosa da fare è dunque analizzare i report delle aperture relative alle proprie newsletter.

In secondo luogo dobbiamo fronteggiare una sfida non solo strategica, ma soprattutto tecnologica. Le nostre grafiche non vengono più visualizzate allo stesso modo da tutti i subscribers, anzi, i fattori che influenzano il rendering sono molteplici e non tutti pienamente controllabili.

Di seguito qualche semplice tips da osservare per produrre comunicazioni mobile-friendly:

  • Oggetto: non eccedete i 35 caratteri;
  • Testo: per essere letti agilmente da mobile i caratteri devono essere di almeno 14/16 pixel;
  • Arrivate al dunque il prima possibile: lo smartphone non si ricarica ancora con le ditate necessarie alla lettura delle vostre newsletter ;);
  • Call-to-Action: a misura di dito, ovvero minimo 44 pixel;
  • Content: layout semplice. Se non utilizzate media query, è meglio mettere una notizia per colonna. La larghezza adatta al mobile è 320 pixel;

E non dimenticate di ottimizzare le landing page!

Per notizie sull’email marketing, seguiteci sul MagNews Blog.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.