Discovery Media chiude il semestre a -2%. Il Digital a +15%

I sei mesi della concessionaria sono stati archiviati con una raccolta sopra la media di mercato. In crescita anche le Brand Solutions (+12%). In autunno il nuovo programma di Daria Bignardi, riconfermato per tre anni Crozza

di Teresa Nappi
11 luglio 2019
Discovery-Italia-Cipriani-Carafoli-Araimo
(da sin.) Giuliano Cipriani, Laura Carafoli (Chief Content Officer) e Alessandro Araimo

Positivi, ma non folli. Con questa premessa Giuliano Cipriani, Direttore Generale di Discovery Media, apre il suo intervento in occasione della presentazione della nuova stagione televisiva promossa dall’editore.

Il semestre per la concessionaria del Gruppo Discovery Italia, si chiude a -2% circa, sopra la media di mercato (nei cinque mesi la tv ha chiuso a -3,7%, ne abbiamo parlato qui), dichiara il manager che poi aggiunge: «Luglio si è aperto in modo molto positivo, ma sono ancora più fiducioso rispetto al secondo semestre. La spinta che ci attendiamo nei prossimi mesi ci porterà a chiudere un anno in pareggio o comunque con una piccola percentuale di crescita, che in un mercato negativo, non può che essere una previsione che ci rincuora, ma non ci aspettiamo grandi stravolgimenti».

Ricordiamo che il 2018 di Discovery Media si era chiuso con all’attivo una raccolta pubblicitaria totale pari a 260-270 milioni di euro e poco più di 600 clienti che potrebbero invece attestarsi intorno ai 650 quest’anno.

«Quindi positivi e ambiziosi, sì, ma non siamo folli», spiega Cipriani. «Ci confrontiamo con una congiuntura e con una visione che sta penalizzando il mezzo tv, ma siamo sicuri che la qualità dei contenuti e le nostre scelte editoriali ci premieranno».

Intanto, mentre Nielsen parla di una market share distonica rispetto alla audience share, dice Cipriani, Discovery Media dichiara numeri sostanzialmente allineati da questo punto di vista: «Veleggiamo intorno al 7% di quota di mercato e a un’audience share paritetica su tutti i target (adulti e kids, ndr) e del 9% sul target 25-54enni».

E a proposito dei canali kids a marchio Discovery (K2 e Frisbee), per cui raccoglie PRS, Cipriani dichiara: «La raccolta pubblicitaria sta andando bene. Nel semestre sfioriamo il double-digit e valgono il 10% del fatturato pubblicitario totale».

Bene Brand Solutions e Digital

Due in particolare le voci che nel semestre stanno performando molto bene: le Brand Solutions di Discovery Media e il Digital (rappresentato fondamentalmente da Dplay).

«Le Brand Solution e la parte Digital stanno performando molto bene», dice il manager. «In particolare, le prime crescono nei sei mesi del 12%, mentre il digital del 15%. Più o meno le Brand Solutions pesano il 15% sul fatturato, mentre il Digital vale il 3% della raccolta».

Sul fronte Digital, Cipriani dichiara invece conclusa la collaborazione con SpotX, inaugurata lo scorso dicembre (ne abbiamo scritto qui).

Discovery si conferma terzo editore tv per share

La presentazione delle novità per la stagione 2019-2020, ricco sia per la parte lineare sia per la parte digitale, è stata anche l’occasione per fare il punto sul pubblico che i canali dell’editore appassiona e coinvolge.

Per la prima metà del 2019, sono stati dichiarati risultati d’ascolto in netta crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, facendo segnare il miglior semestre di sempre per il gruppo Discovery: 7% di share sugli individui (+7% vs 2018) che arriva al 9% di share sul target commerciale 25-54 (come già sottolineato da Cipriani, ndr). Dati ancora più significativi in prime time dove la share del portfolio cresce del +12% sugli individui.

«Questo ci conferma saldamente come terzo editore televisivo in Italia», dichiara Alessandro Araimo, Amministratore Delegato di Discovery Italia.

A trainare il portfolio spiccano in particolare Nove e Real Time: in prima serata il canale generalista – stabilmente nono canale nazionale – cresce del 12% negli ascolti, mentre Real Time registra un +27%. Una crescita organica accompagnata dalle performance positive di Giallo (+28% nelle 24 ore), di Food Network (+12% nelle 24 ore) e dei canali Kids K2 e Frisbee (+19%, dato più alto fra tutti gli editori per bambini).

«È un momento di grande slancio per il gruppo Discovery in Italia e nel mondo, una straordinaria combinazione di record d’ascolti, programmi di successo, lancio di nuovi volti, brand e servizi Ott, accompagnati da un ruolo sempre più centrale nell’affollata arena competitiva dei media. Il nostro obiettivo, tuttavia, è quello di accelerare la nostra crescita, grazie a una stagione che si arricchisce di una nuova fuoriclasse del panorama televisivo, di format lineari e non lineari innovativi e a un’offerta complessiva di contenuti e servizi Ott sempre più ambiziosa e sorprendente», dice ancora Araimo.

Nove: ancora 3 anni con Crozza. E arriva Daria Bignardi

Nell’ottica di essere sempre più rilevanti, da ottobre sul Nove, a distanza di quattro anni dalla sua ultima esperienza televisiva, si aggiunge ai grandi nomi del canale Daria Bignardi. La giornalista, autrice televisiva e scrittrice torna a raccontare l’Italia di oggi con il suo nuovo programma in diretta, “L’Assedio”.

Discovery-Carafoli-Bignardi
Laura Carafoli e Daria Bignardi

Dopo il grande successo di ascolti della scorsa stagione (1.3 milioni di spettatori, oltre il 5% di share), dal 27 settembre si riaccende il venerdì sera con l’attualità politica e sociale analizzata dalla satira di Maurizio Crozza: l’artista genovese, confermato per i prossimi 3 anni, torna in diretta e in prima serata con la nuova stagione del suo one-man-show “Fratelli di Crozza”.

Sempre nel solco del racconto dell’Italia, tornano anche i programmi nati dalla collaborazione con Loft Produzioni: via dunque alle nuove stagioni de “La Confessione” (a dicembre in seconda serata) con le interviste di Peter Gomez a personaggi del mondo dello spettacolo, sport, politica e giornalismo, e ad “Accordi & Disaccordi” (a ottobre in seconda serata), il talk sull’attualità politica condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi che avrà quest’anno una novità: la rubrica fissa a cura di Marco Travaglio.

Ad analizzare uno dei temi più discussi del mondo dell’informazione on line e non solo, arriva la giornalista d’inchiesta, conduttrice e reporter Valentina Petrini con “Fake – La Fabbrica delle notizie” (in seconda serata da ottobre).

Passando all’intrattenimento, annunciati il candid camera game show “Deal with it – Stai al gioco” con Gabriele Corsi, “Il Supplente”, format dove gli studenti del liceo si ritrovano in classe un professore del tutto inaspettato. In questa edizione le lezioni di Luca Parmitano, Nino Frassica, Massimo Giletti, Luca e Paolo, Simona Ventura e Joe Bastianich.

Rubio, ambasciatore dello street food nel mondo, arriva a settembre con un nuovo format itinerante che lo porterà nel Sud-est asiatico, culla del cibo di strada e cornice ideale per “Rubio, alla ricerca del gusto perduto”.

Real Time ancora 1° canale sulle donne

Per quanto riguarda Real Time, il canale apre le porte del suo decimo anno di vita sul digitale terrestre e si conferma ancora una volta 1° canale nativo digitale sulle donne con il 2,8% di share nelle 24 ore.

Il canale femminile per eccellenza racconta storie vere, lancia nuovi volti, anticipa e crea tendenze e mostra la realtà in maniera autentica, senza pregiudizi e in tutte le sue sfumature.

Tra le novità più attese “Matrimonio a prima vista Italia”, il format “The real housewives di Napoli”, versione partenopea del famoso e fortunato franchise di NBC, che sbarca sul canale con sei protagoniste, tra cui anche Noemi Letizia.

Il successo internazionale Say yes to the dress avrà per la prima volta una versione tutta italiana, “Abito da sposa cercasi – Palermo” (a novembre), che non poteva avere guida migliore del wedding planner più amato della tv, Enzo Miccio.

Ma anche “Bake Off Italia -Dolci in forno”, il titolo di punta del canale in onda dal 30 agosto e condotto da Benedetta Parodi con gli immancabili giudici Ernst Knam, Clelia d’Onofrio e Damiano Carrara, si rinnova anche quest’anno, cambiando location (Villa Borromeo d’Adda ad Arcore) e guardando alla tradizione e ai mitici anni 50.

A seguire, “Junior Bake Off”, presentato sempre da Katia Follesa. E altra novità, quest’anno i 12 migliori concorrenti delle passate stagioni divisi in 3 squadre si sfideranno in “Bake Off Italia – All stars battle”, presentato da Flavio Montrucchio.

Si arricchisce anche l’offerta OTT

Sempre più ricca anche l’offerta OTT con Dplay che viene scelto da sempre più persone come modalità di visione di tutto il ricco portfolio FTA: streaming dei canali e contenuti on demand con la possibilità di vederli su tutti i device.

Dplay conta circa 2 milioni di utenti unici al mese e 5,4 milioni di ore viste nel 2019 (+32% rispetto al 2018).

Ma non finisce qui. Da pochi mesi ha debuttato Dplay Plus (ne abbiamo parlato qui), l’offerta a pagamento (3,99 euro al mese) grazie alla quale è possibile accedere al live streaming di Discovery Channel e Discovery Science, migliaia di ore on demand, ‘box sets’ dedicati ai titoli cult, esclusive mondiali, anteprime accessibili solo agli abbonati, con la possibilità di vedere programmi senza pubblicità.

Tra i titoli più attesi in arrivo in esclusiva “Why we hate”, prodotto dal Premio Oscar Steven Spielberg, che analizzerà le origini dell’odio in un affascinante e intenso viaggio nel profondo dell’animo umano e il documentario “Return to Chernobyl”.

Inoltre, gli utenti Dplay Plus potranno vedere eccezionalmente prima del debutto sul lineare, “The Real Housewives di Napoli” e “Matrimonio a prima vista” e i titoli dei programmi più amati come “Il Castello delle Cerimonie”, “Pizza Hero” e molto altro.

Imperdibile anche l’offerta di sport con Eurosport ed Eurosport Player: ciclismo con Giro, Tour, Vuelta e tutte le Classiche, tennis con Australian Open, US Open e Roland Garros, basket con Serie A ed Eurolega, sport invernali con La Coppa del Mondo e Mondiali, motori con 24 Le Mans e Formula E e molto altro.

Un’offerta straordinaria che ci accompagnerà per tutto l’anno in attesa dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020, che si potranno seguire senza perdere nemmeno un istante solo su Eurosport Player.

A completare l’offerta OTT anche GolfTv, il servizio che permette di vedere i tornei del PGA Tour e dello European Tour, accompagnati dai contenuti extra firmati da Tiger Woods e Francesco Molinari (abbiamo scritto del lancio qui). A questo, anticipa Araimo, potrebbe presto affiancarsi un servizio dedicato al ciclismo.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.