Corriere della Sera, in arrivo paywall e restyling dell’hp di Corriere.it

Dal 27 gennaio sarà disponibile la nuova offerta digitale in abbonamento del quotidiano. Coinvolto anche l’archivio storico

di Lorenzo Mosciatti
25 gennaio 2016
Corriere della Sera

Lo ha annunciato una decina di giorni fa il direttore Luciano Fontana: il Corriere della Sera va verso una riorganizzazione dell’offerta, con una maggiore integrazione tra versione cartacea e digitale, e del lavoro giornalistico. Una notizia accolta favorevolmente dal mercato che nei giorni successivi all’annuncio ha premiato l’andamento del titolo.

Eccoci arrivati alla vigilia del cambio di rotta, il quotidiano è pronto a una nuova sfida: dare maggior valore al giornalismo online, fruibile su desktop, tablet e smartphone, adottando in Italia il paywall, il modello informativo che i principali quotidiani del mondo hanno già scelto e sperimentato.

È una delle principali strategie che dovrebbe contribuire, da qui al 2018, al superamento della soglia del 20% di digital sui ricavi totali del gruppo RCS, così come aveva anticipato il Cfo Riccardo Taranto a margine della presentazione del piano industriale nello scorso dicembre.

L’introduzione del paywall e delle sue formule di abbonamento non sono l’unica novità: il restyling della versione del sito per desktop sarà accompagnata da una rinnovata offerta mobile, così come dal servizio PrimaOra, dalla fruizione dell’archivio storico del quotidiano che si appresta a festeggiare quest’anno i suoi 140 anni di vita.

«Con la nuova offerta digitale – spiega il direttore Luciano Fontana – il Corriere della Sera adotta una nuova visione dell’informazione e si dà l’obiettivo di offrire contenuti unici, originali e distintivi su tutte le piattaforme. È l’inizio di un rinnovamento che proporrà presto altri servizi, in un confronto continuo con il suo pubblico. In questo cammino non verrà a mancare l’attenzione alla carta: ci crediamo sempre moltissimo e continueremo a sviluppare iniziative per il quotidiano tradizionale. Il successo de la Lettura dimostra che le giuste proposte cartacee possono incontrare l’entusiasmo dei lettori».

Alla base della nuova idea di giornale c’è la centralità del pubblico, con le proprie diverse preferenze di lettura dai vari dispositivi, esigenze di orari, spostamenti e abitudini, deve avere sempre accesso alla massima qualità informativa.

Il nuovo Corriere della Sera ha alle spalle una profonda trasformazione organizzativa che investe l’intera redazione, coinvolta nella ininterrotta produzione di contenuti per il web e la carta. Il lavoro in redazione inizierà alle 5,30 del mattino e finirà all’1,30 della notte, con più turni, per una copertura ottimale della notizia.

All’alba del 27 gennaio la nuova formula prenderà corpo, i lettori avranno accesso gratuito, su pc, tablet e smartphone, a 20 articoli al mese di Corriere.it. Solo dopo questa soglia libera verrà chiesto di contribuire con un abbonamento. L’offerta base – 9,99 euro al mese, solo 0,99 euro per il primo mese – dà accesso a tutti i contenuti del sito, da desktop e da mobile, e all’intero archivio storico del giornale, dal 1876.

Per chi deciderà di non abbonarsi, resteranno comunque sempre liberi e gratuiti, con accesso illimitato, la home page principale e quelle di sezione, i video e le breaking news integrate nella home page.

«Il giornale e l’editore stanno affrontando un impegno organizzativo e concettuale di vasto respiro, con l’obiettivo di aumentare ancora di più la tempestiva presenza e la qualità informativa e culturale del Corriere della Sera sulle piattaforme digitali – commenta Alessandro Bompieri, a capo della Direzione Media di Rcs -. L’intera fabbrica del giornale è attraversata da questo processo, con una grande assunzione di responsabilità da parte di tutti. Il motivo è presto detto: stiamo facendo un passo significativo nella relazione con i nostri lettori, offrendo valore e chiedendo che venga riconosciuto. A ogni click. L’abbonamento base, una volta completata la fase di invito alla prova, richiede uno sforzo economico di piccola portata – 33 centesimi al giorno – ma ha un valore simbolico di grande rilevanza: il passaggio a un patto nuovo, all’avanguardia, fra editore, giornale e pubblico».

La nuova versione del sito per desktop

Sarà navigabile già dal 26 gennaio la nuova home page del Corriere della Sera, dalla quale traspare il dialogo sempre più evidente tra online e carta. Ridisegnata con chiarezza e rigore, la home page del sito tiene in primo piano le news principali, con gli editoriali e i commenti in alto a destra. A scorrere, tutte le sezioni, aggiornate costantemente, con le inchieste e gli approfondimenti ben individuabili sulla sinistra, mentre nella colonna di destra sono evidenziati i canali, i supplementi e i blog del Corriere.

L’offerta mobile

La nuova offerta digitale del Corriere valorizza la piattaforma mobile, che sta diventando primaria nel consumo del web in generale e dell’informazione in particolare, ancor di più tramite smartphone. Oltre all’immediatezza di accesso, per il mobile è stata studiata una nuova grafica che mette in evidenza i contenuti di qualità (con approfondimenti e analisi) e pone l’accento sull’impaginazione e sul dettaglio grafico. Dal 27 tutti i lettori avranno libero accesso ai primi venti articoli, mentre attualmente è previsto il pagamento fin dal primo.

L’archivio digitale

Tra le opportunità della nuova offerta digitale, una fondamentale riguarda l’archivio storico dal 1876, che sarà disponibile per tutti gli abbonati. Organizzato con una semplice pagina di ricerca, dove si possono incrociare data, autore e argomento, consente di consultare tutti gli articoli pubblicati dal Corriere della Sera nei suoi 140 anni di storia: quasi 8 milioni tra reportage, inchieste, opinioni e commenti.

L’archivio dà accesso illimitato all’immenso patrimonio del Corriere con le sue grandissime firme: Luigi Barzini, Dino Buzzati, Italo Calvino, Eugenio Montale, Luigi Einaudi, Ada Negri, Grazia Deledda, Luigi Pirandello, Alberto Moravia, Pier Paolo Pasolini, Indro Montanelli, Enzo Biagi, Oriana Fallaci, Claudio Magris, Ernesto Galli della Loggia, Paolo Mieli, Beppe Severgnini, Dacia Maraini, Maria Grazia Cutuli.

Il nuovo servizio PrimaOra

La newsletter PrimaOra sarà inviata a tutti gli abbonati fin dal primo mattino. Il nuovo servizio, a cura delle firme del Corriere della Sera, sintetizza i fatti della giornata offrendone una chiave di lettura, per cogliere con uno sguardo l’agenda del giorno.

Le formule di abbonamento

La formula base è Naviga+ costa 9,99 euro al mese (0,99 euro per il primo mese) e consente l’accesso al ’informazione contenuta nel sito del Corriere della Sera – da desktop e da mobile – e la consultazione dell’archivio storico completo del Corriere. C’è anche una serie di contenuti speciali: reportage, approfondimenti, la rassegna stampa e il servizio PrimaOra.

Digita+ per i lettori che preferiscono sfogliare il giornale in edizione digitale, resta attiva l’offerta di abbonamento alla digital edition per pc, tablet o smartphone a 19,99 euro al mese, per leggere il quotidiano, le edizioni locali, tutti gli inserti, i supplementi e le testate del sistema Corriere.

Tutto+ cumula le offerte Naviga+ e Digita+ al costo di 24,99 euro al mese (0,99 euro per il primo mese). La formula prevede tutta l’informazione contenuta nel sito, da desktop e da mobile; l’accesso all’archivio storico; i contenuti speciali riservati agli abbonati e il servizio PrimaOra; la versione digitale del quotidiano da qualunque dispositivo include le edizioni locali, gli inserti, i supplementi e le testate del sistema Corriere. Inoltre, gli abbonati Tutto+ potranno ritirare in edicola la domenica una copia cartacea del Corriere della Sera e de la Lettura, comprese nel loro abbonamento.

Per i lettori già abbonati al Corriere della Sera (OreSette, abbonamento cartaceo, digital edition, mobile), l’editore ha previsto delle offerte per il passaggio alla formula Tutto+. Sono allo studio vantaggi, opportunità e benefici esclusivi per la comunità degli abbonati.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.