Condé Nast, Airoldi: «Proiezione positiva per digital e progetti speciali nel primo semestre»

Il gruppo intanto pensa al futuro di Glamour e prepara il lancio americano de La Cucina Italiana. In aumento le iniziative “branded”

di Alessandra La Rosa
22 luglio 2019
Francesca Airoldi
Francesca Airoldi

C’è una parola chiave nel presente e nel futuro di Condé Nast, e quella parola è “progetti speciali”. È quest’area, infatti, che sta facendo da traino alla crescita della raccolta pubblicitaria del gruppo editoriale, e su cui la società sta continuando a investire, a fronte di un trend altalenante della stampa e di una tabellare digital che comincia a rallentare il passo.

Intervistata da Engage a margine della presentazione di Vogue for Milano 2019, l’evento (ex Vogue Fashion’s Night Out) organizzato da Vogue a settembre nel capoluogo lombardo, la Chief Marketing Officer di Condé Nast Italia Francesca Airoldi ci ha spiegato come sull’andamento del business pubblicitario del gruppo stia sempre più pesando l’area dei progetti speciali, insieme a quella degli eventi. «Attualmente, nella raccolta complessiva di Condé Nast, il 70% proviene ancora dalla stampa – ci ha spiegato -, il 20% dal digital e il 10% dalle iniziative speciali. In particolare, su questi ultimi due fronti, abbiamo una proiezione positiva per il primo semestre».

«Per quanto riguarda il digital in particolare – ha proseguito la manager – la crescita è più contenuta rispetto al passato, complice una raccolta da tabellare sostanzialmente stabile. Il trend positivo è dovuto piuttosto a un incremento dei progetti speciali: il business della nostra nuova Talent Agency sta andando particolarmente bene, così come anche quello della nostra social content creator unit Shareable».

Un’area proficua, con cui il gruppo cerca di rispondere all’andamento altalenante della stampa, sul quale pesa un trend di mercato non proprio positivo per i periodici. «Wired e La Cucina Italiana crescono, ma Glamour no, e anche Vanity Fair è in sofferenza», dichiara Airoldi. E proprio sul futuro di Glamour il gruppo sta riflettendo, pensando a una formula giusta per la testata che, per intenderci, in USA e UK è ormai solo online. «Ma non abbiamo ancora preso decisioni», precisa Airoldi.

Ormai delinati sono invece i progetti “internazionali” de La Cucina Italiana, che tra pochi mesi debutterà negli Stati Uniti con un sito, online dal 23 settembre, a cui si aggiungerà anche un magazine cartaceo che uscirà quattro volte all’anno.

Intanto continuano gli investimenti sui podcast, «che però ancora non vendiamo ai brand», e sul fronte dei dati, «al momento utilizzati solo per la personalizzazione dei contenuti».

Vogue: la raccolta dalle iniziative speciali cresce del 5%

La presentazione di Vogue for Milano è stata anche l’occasione per fare il punto sull’andamento pubblicitario di Vogue con Emmeline Eliantonio, brand manager Vogue Italia: «Anche per Vogue si conferma la tendenza complessiva del gruppo di una crescita di eventi e iniziative speciali – ci ha spiegato -. Attualmente la raccolta su stampa pesa il 65%, quella digital il 20% e quella di eventi e iniziative speciali il 15%. Il peso di quest’ultima area è cresciuto sensibilmente: lo scorso anno era infatti il 10%. A fronte di una raccolta stampa e digital display in linea, le iniziative speciali hanno visto un incremento del 5%».

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.