Condé Nast: video e diversificazione al centro del rilancio

Al via il piano di sviluppo annunciato dal Ceo Bob Sauerberg che ha come obiettivo l’incremento dei ricavi di 600 milioni di dollari entro 4 anni, diversificando le entrate dalla sola adv

di Teresa Nappi
10 agosto 2018
Bob-Sauerberg-conde-nast
Bob Sauerberg

Obiettivo: incrementare i ricavi di 600 milioni di dollari entro la fine del 2022. Con questa dichiarazione di intenti si quantifica il piano con cui Condé Nast intende crescere, migliorando entro due anni la redditività.

A spiegarlo è stato il Ceo dell’editore di Vogue e Vanity Fair, Bob Sauerberg, in un’intervista rilasciata al Wall Street Journal.

Il piano esposto è articolato e prevede innanzitutto una diversificazione dei ricavi, svincolando in parte il business dalla pubblicità, ormai appannaggio delle grandi aziende ad tech. Attenzione, dunque, ad aree diverse come dati, marketing BtoB e servizi di consulenza per le aziende. Ma anche ai consumatori con servizi business to consumer come GQ Recommends, che genera denaro attraverso le commissioni degli affiliati.

“In un momento in cui Google e Facebook stanno togliendo così tanti soldi pubblicitari dal mercato, stiamo puntando su futuro scritto nella diversificazione”, ha detto Sauerberg al Wall Street Journal.

Il progetto prevede che la pubblicità, che a oggi rappresenta il 70% dei ricavi dell’editore, arrivi a rappresentare poco più della metà delle entrare dell’azienda.

In vendita W, Brides e Golf Digest

Intanto, guardando ai conti del 2018, Sauerberg ha dichiarato di aspettarsi un calo dei ricavi nell’anno fiscale, prevedendo che l’azienda tornerà a produrre utili entro il 2020.

A questo dovrebbero concorrere le vendite di alcune testate del portafoglio di Condé Nast come W, Brides e Golf Digest, già messe sul mercato e che il Gruppo editoriale spera di vendere entro l’inizio del 2019.

Focus on video

I piani di Sauerberg però prevedono nel contempo di incrementare un’altra attività, quella legata ai video. Per il 2019 è previsto il lancio di nuovi servizi di filmati in streaming supportati da adv per Bon Appetit e GQ.

Inoltre, Condé Nast continuerà a impegnarsi nella produzione di video televisivi di lunga durata e, a questo scopo, sta cercando uno studio che la aiuti nella programmazione.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.