Con Sting Media il programmatic arriva sulla televisione italiana

In agosto è stato effettuato sulla piattaforma tecnologica della start up di Gruppo Next 14 guidata da Roberto Calzolari il primo acquisto in “programmatic” di uno spazio pubblicitario sul piccolo schermo nel nostro Paese

di Simone Freddi
15 settembre 2015
Roberto Calzolari
Roberto Calzolari

Sting Media, la startup parte del Gruppo Next 14 nata per innovare in senso tecnologico la compravendita di spazi pubblicitari in tv e sui media offline in generale, grazie alla sua piattaforma tecnologica questa estate ha reso possibile il completamento del primo, storico acquisto in “programmatic” nelle storia della pubblicità televisiva italiana.

La transazione, ci ha fatto sapere Sting Media, è avvenuta durante il periodo estivo, nell’ambito del primo test operativo delle piattaforma sviluppata dalla società per l’automazione delle transazioni sugli spazi televisivi. Al momento, non sono stati resi noti dettagli circa l’acquirente e la rete tv coinvolta.

Il test ha coinvolto diversi players che rivestono un ruolo primario nel mercato televisivo italiano: lato offerta hanno partecipato le maggiori concessionarie nazionali, mentre lato domanda sono state coinvolte tutte le principali centrali media.

Leggi l’articolo completo su Programmatic Italia.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.