Class Editori: ricavi a -4,2% e pubblicità a +3% nel 1° trimestre

La raccolta sui media digitali è cresciuta dell’1% con marzo in aumento del 16%

di Caterina Varpi
16 maggio 2018
classeditori1

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori ha approvato il Resoconto intermedio di gestione consolidato relativo ai primi tre mesi dell’anno.

I ricavi sono stati pari a 15,62 milioni di euro, in calo del 4,2% rispetto ai 16,30 milioni di euro del primo trimestre del 2017. I costi operativi sono diminuiti di circa il 4,0%, pari a 16,39 milioni di euro (17,08 milioni di euro l’anno precedente); il margine operativo lordo (Ebitda) è pari a -0,77 milioni di euro, in leggero miglioramento rispetto ai -0,78 milioni di euro nel primo trimestre 2017. Il risultato netto di gruppo è pari a -1,69 milioni di euro in miglioramento rispetto ai -2,31 milioni di euro del primo trimestre 2017. La posizione finanziaria netta passa da un indebitamento netto di 67,3 milioni di euro al 31 dicembre 2017, ai 69,0 milioni di euro del 31 marzo 2018.

La raccolta pubblicitaria in Italia della casa editrice ha segnato un incremento del 3% complessivo nei primi tre mesi dell’esercizio, nonostante un minor numero di uscite dei periodici. In particolare, la pubblicità commerciale è salita del 7% nel trimestre con una punta di incremento del 12% in marzo. Tra i media della casa editrice, la Go Tv ha registrato un +22% rispetto allo stesso periodo del 2017, una crescita supportata anche dagli investimenti effettuati per consentire pianificazioni con le tecnologie digitali che permettono a clienti e centri media di pianificare con la massima flessibilità in modalità Reservation e Programmatic.

Nel settore televisivo continua nel 2018 la crescita di Class CNBC con una raccolta +4%. In controtendenza, rispetto al mercato, l’andamento positivo della stampa, di poco superiore rispetto al medesimo periodo del 2017 (+0,8%), con una flessione contenuta dei quotidiani (-2%). All’interno del segmento, si segnala un forte recupero della pubblicità legale (+8%) e un ulteriore riduzione del trend negativo della pubblicità finanziaria (-3%) che aveva chiuso il 2017 con un calo del 9,3%. Molto positiva la performance sui periodici, +44%, anche se contenuta in valori assoluti.

La raccolta della pubblicità internet ha chiuso i primi tre mesi con una crescita dell’1%, rispetto al +2,5% fatto registrare dal mercato di riferimento (dati Nielsen), ma con un +16% conseguito nel mese di marzo, anche per il lancio delle nuove versioni dei siti Mffashion.com e della collegata ItaliaOggi.it. La raccolta all’estero attraverso la controllata americana Global Finance ha registrato nel trimestre un incremento in valuta locale del 6,3%, ma una riduzione dell’8,0% tenuto conto della forte rivalutazione dell’euro sul dollaro nel trimestre.

Nei primi tre mesi dell’esercizio 2018 il sito web di Milano Finanza ha registrato, secondo quanto certificato dai dati reali di traffico dei sistemi digitali di Analytics, una media giornaliera di 133.855 utenti unici e di 1,66 milioni di pagine viste, dati sostanzialmente stabili rispetto al periodo equivalente del 2017. Su base mensile invece si registra una crescita del 4,45% degli utenti unici (2,05 milioni), con 49,7 milioni di pagine viste. Per ciò che concerne le diffusioni cartacee e digitali, MF-Milano Finanza ha registrato nel trimestre una diffusione di circa 55 mila copie medie, Class di circa 29 mila copie e Capital di 29 mila copie.

Il contesto economico nazionale, pur con migliori stime di crescita del Pil rispetto al 2017, non offre ancora segnali continuativi di miglioramento, nonostante la crescita dei ricavi per la raccolta pubblicitaria della casa editrice in un contesto di mercato che continua a mostrare perdite di fatturato. Inoltre, riporta il comunicato stampa, è ancora atteso il dispiegarsi dell’effetto positivo derivante dall’entrata in vigore dal primo ottobre 2017 del Bonus pubblicità, per il quale non è stato ancora pubblicato il relativo decreto di attuazione.

Inoltre, la casa editrice prosegue la propria strategia di contenimento dei costi riguardanti tutti i settori e tutte le voci (dagli affitti passivi, alla abolizione di contratti di outsourcing tecnologico per Class Cnbc e i servizi digitali alle banche). Prosegue anche la semplificazione della struttura societaria. Sul fronte dei ricavi, il gruppo ha avviato una serie di progetti diretti all’incremento della propria quota di mercato della pubblicità digitale, e un particolare sviluppo dei ricavi è previsto per la Go Tv Telesia. Tutto ciò, unito alla prosecuzione degli eventi e iniziative speciali e ripetibili anche negli anni a venire (in totale 20 eventi e iniziative speciali già programmate e quantificate nei ricavi attesi), e la realizzazione di piattaforme (in particolare con Xinhua News Agency per la new Silk Road) per l’incontro fra aziende e investitori, fa prevedere un miglioramento dei risultati di gestione, conclude il comunicato.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Engage La Prima
La nostra newsletter quotidiana, contenente le 10 notizie più impattanti della giornata, per rimanere sempre aggiornato sui trend del mercato.

Engage Mag
Il nostro magazine periodico, con focus e speciali di approfondimento, distribuito anche in forma cartacea ai principali eventi di settore.

Partner Messages
Messaggi periodici dai nostri partner. Se acconsenti alla ricezione di queste email, aiuterai Engage a mantenere i suoi canali fruibili gratuitamente, e, oltretutto, potresti trovare inviti e informazioni utili alla tua azienda.