• Programmatic
  • Engage conference

09/01/2015
di Alessandra La Rosa

Repubblica.it arriva su WhatsApp con un canale ad hoc per le news

Il sito di informazione ha annunciato il lancio di un sistema di diffusione delle notizie tramite l'app di messaggistica, che nel mondo conta oltre 700 milioni di utilizzatori e in Italia è usata dal 56% degli utenti mobile

Con oltre 700 milioni di utenti attivi (il dato è stato fornito solo qualche giorno fa dal suo ceo e cofondatore Jan Koum sul suo profilo Facebook), WhatsApp è il sistema di messaggistica più usato al mondo. In Italia, il 56% degli utenti mobile lo utilizza per comunicare. Visto il bacino di utenza, non stupisce che l'app cominci ad essere vista dagli editori come nuovo canale per veicolare le proprie notizie, alla stregua di quanto già fanno con i social network, Twitter e Facebook in primis, e con altre applicazioni di messaggistica come WeChat. Gli esperimenti di utilizzo di WhatsApp come mezzo di diffusione delle news sono ancora pochi nel mondo, e ancor meno in Italia. Ma uno dei grandi siti di informazione nazionale si è iniziato a muovere, e c'è da aspettarsi che in tanti lo seguiranno. Si tratta di Repubblica.it che, con un articolo pubblicato oggi sul sito, ufficializza l'avvio del servizio di diffusione delle notizie via WhatsApp tramite un nuovo canale dedicato. "Portare tutte le notizie del mondo in diretta ai lettori ovunque si trovino. E' questa da sempre la missione di Repubblica.it. Da oggi siamo orgogliosi di annunciare un nuovo canale, ancora più tempestivo e totalmente gratuito, per tenervi sempre informati in tempo reale: le nostre ultim'ora sbarcano su WhatsApp", si legge nell'articolo. Tramite l'invio di un messaggio con testo "News On" a un determinato numero, si potranno attivare le notifiche di Repubblica.it su ogni tipo di smartphone. "Niente spam e nessun costo aggiuntivo da parte nostra - rassicura l'articolo su Repubblica.it -: le notifiche riguardano soltanto gli avvenimenti più importanti e sono totalmente gratuite". Ad esempio, l'attentato a Parigi, la morte di Pino Daniele o il disastro della Norman Atlantic: ecco alcune delle news che gli abbonati alle notifiche su smartphone hanno ricevuto per primi, contemporaneamente a quando le stesse notizie sono state pubblicate sul sito. Le notifiche push, che oggi arrivano su WhatsApp, sono già attive per gli utenti dell'applicazione Android di Repubblica e nelle prossime settimane saranno attivate anche sull'applicazione per iPhone. Con l'inaugurazione del servizio, Repubblica.it conferma la sua attenzione alle nuove piattaforme di aggregazione. Un impegno, quello della testata, che trova ampio riscontro anche sul lato utenti. Secondo una ricerca di DataMediaHub su dati Human Highway, nel 2014 Repubblica.it si è confermata la testata più social d'Italia: il 15% di tutte le condivisioni di notizie avvenute nel nostro Paese ha riguardato articoli del sito, una quota che equivale ad oltre 27 milioni di condivisioni solo su Facebook, con una media mensile di 2,3 milioni di condivisioni. Un numero che collocherebbe Repubblica.it nella top 10 mondiale delle testate più social, a un livello molto vicino a quello del New York Times.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI