• Programmatic
  • Engage conference

16/12/2016
di Teresa Nappi

WebAds archivia il 2016 in crescita del 25%. Vereecken: «Novità a inizio 2017»

Dopo essersi concentrata sul programmatic, ora la società punta ad ampliare la propria inventory, a rafforzare l'area video, ma soprattutto è al lavoro sulla realizzazione di una DMP interna

WebAds chiude l’anno a +25%. La concessionaria di pubblicità interattiva nata nel 1997 e presente in Italia dal 2003, sta raccogliendo i frutti di una strategia di lungo termine che già da diversi anni l’ha vista puntare sui maggiori trend di mercato, prima di tutto sul programmatic. Ma non solo. Da inizio anno di quest'anno, WebAds ha concluso diverse operazione andate sostanzialmente in due direzioni: l’implementazione del proprio network e l’ampliamento dei servizi offerti ai propri clienti, inclusa la creatività.

Il 2016 di WebAds

Da inizio 2016 sono entrati nel network Tesionline.it, MailOnline e The MoodPost, mentre risale a settembre l’accordo con Orangemedialab, una partnership che permette oggi a WebAds di supportare i propri partner per la creazione di una strategia digitale a 360 gradi, oltre che risolvere nell’immediato problemi legati alla produzione di creatività, display, mobile e video, che spesso rallentano il processo di pianificazione. Le scelte operate hanno messo la società in condizione di raggiungere gli obiettivi fissati a inizio anno, come ha spiegato Constantijn Vereecken, Managing Director di WebAds in Italia, che inoltre aggiunge: «La vendita in programmatic, in particolare, è stata molto significativa, ma non solo. Ora stiamo ampliando la nostra inventory, rafforzando l’area video e rinnovando partnership con importanti editori. Stiamo inoltre lavorando sulla nostra DMP interna, per integrare con i nostri first party data le campagne dei nostri inserzionisti, fornendo anche un valore aggiunto ai publisher». E per il nuovo anno Vereecken annuncia: «Inizierà con una novità per WebAds, e avrà come obiettivo quello di presentare la nostra offerta in maniera sempre più coerente con il nostro attuale posizionamento».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI