• Programmatic
  • Engage conference

19/04/2019
di Alessandra La Rosa

Ufficiale: Amazon lancia il suo servizio di streaming musicale con pubblicità

Per ora disponibile solo negli Stati Uniti e sui dispositivi Echo, il prodotto apre alla società di Seattle un nuovo bacino di inventory per la propria offerta pubblicitaria in rapida crescita

amazon-music-echo.jpg

Dopo le indiscrezioni circolate negli scorsi giorni, Amazon ufficializza la notizia del lancio del suo servizio di streaming musicale gratuito e con pubblicità. La società di Seattle ha annunciato, con un blog post, il debutto del prodotto, al momento disponibile solo negli Stati Uniti e sui dispositivi Echo. "Dal lancio di Amazon Music, il pubblico è stato in grado di utilizzare la semplicità e la magia della voce per richiedere musica in modi divertenti e innovativi", spiega la società sul blog post. "I consumatori avranno ora accesso alla riproduzione di 'radio' basate su una canzone, artista, epica e genere musicale, e all'ascolto di alcune delle più popolari playlist globali di Amazon Music, come Country Heat, Fuego Latino, e altre". Il catalogo, per il momento, sarà dunque limitato a radio e playlist, non agli album. L'azienda si sarebbe offerta, almeno in questa fase iniziale, di pagare alcune etichette discografiche per lo streaming dei brani, a prescindere dalla pubblicità venduta. La famiglia di servizi di streaming musicale di Amazon così si allarga: il servizio va ad aggiungersi ai già esistenti Prime Music (incluso nell'abbonamento Amazon Prime e che dà accesso ad oltre 2 milioni di brani) e Amazon Music Unlimited (a pagamento per abbonati a Prime e non, con accesso a 50 milioni di canzoni). Un lancio, quello del nuovo prodotto, con cui Amazon punta a far crescere i propri smart speaker, sia rendendo più attraente e ricca la loro offerta per i consumatori, sia creando un nuovo modo per monetizzarli. Per la società di Seattle, la cui offerta di strumenti pubblicitari è in grande sviluppo e il cui business adv è in rapidissima crescita (a fine 2018 ammontava a 10 miliardi di dollari), è ora prioritario trovare nuovi spazi per posizionare annunci. E la sua nuova frontiera sono proprio gli assistenti vocali.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI