• Programmatic
  • Engage conference

05/12/2018
di Teresa Nappi

A SpeeD la raccolta pubblicitaria in Italia dei quotidiani della francese 366

Siglata una joint venture esclusiva tra i due gruppi leader dell’informazione in Italia e in Francia. Le testate del Gruppo d'oltralpe vanno ad aggiungersi al portafoglio della concessionaria di Monrif

da sinistra: Sara Riffeser Monti di SpeeD e Stéphane Delaporte di 366

da sinistra: Sara Riffeser Monti di SpeeD e Stéphane Delaporte di 366

SpeeD, concessionaria del Gruppo Monrif, chiude un accordo di joint venture con la francese 366, concessionaria nazionale che raggruppa la stampa quotidiana regionale francese. Nello specifico, dal primo gennaio 2019 SpeeD si occuperà della raccolta della pubblicità in Italia di tutti i quotidiani di 366, andando così a incrementare il già ricco portafoglio di testate locali gestite (il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno, Il Telegrafo, Corriere Bologna, Corriere Fiorentino, Libero e il canale TRC). «SpeeD e 366 hanno in comune un business model che valorizza le peculiarità delle singole testate fortemente radicate nei territori», ha dichiarato Sara Riffeser Monti, Presidente di SpeeD, «e le rende leader a livello nazionale. Sarà possibile offrire agli inserzionisti una proposta fortemente integrata nelle sue componenti "offline" e "online", capace di massimizzare la propria efficacia in termini di risultati di comunicazione». «Ritengo che il mercato francese e quello italiano», continua Riffeser Monti, «presentino moltissime affinità dal punto di vista sociale, economico e culturale. Abbiamo riscontrato grande entusiasmo e collaborazione nei partner francesi, e siamo certi che questo accordo getterà le basi di una crescita reciproca. Siamo molto di più di una semplice concessionaria. Vogliamo confermare sempre più, grazie alla nostra presenza capillare sul mercato, il nostro ruolo di punto di riferimento per i clienti, in grado di soddisfare le singole richieste di comunicazione attraverso una consulenza personalizzata e altamente efficace per il raggiungimento dei loro obiettivi, ora anche oltre confine», conclude la Presidente. «366 cercava rappresentanti performanti per le sue offerte di stampa e digitali, su mercati al di fuori della Francia», aggiunge Stéphane Delaporte, Ceo di 366. «Dopo aver identificato un partner nel Regno Unito, siamo stati sedotti dall'approccio di SpeeD a rappresentarci in Italia. Ci aspettiamo molto da questa collaborazione con un paese vicino sia geograficamente sia culturalmente, e con segmenti di mercato ben identificati in Francia come la moda, l'automobile o il design».

Il valore aggiunto per chi investe

366 è, come detto, la concessionaria nazionale che raggruppa la stampa quotidiana regionale francese attraverso tutti i suoi supporti - carta, web, mobile - in tutti i modi operazionali: programmatica, data, OPS. Rappresenta 60 testate che producono 400 edizioni locali, per un totale di 6 milioni di copie vendute, 46 siti e 42 app. Una sola concessionaria, dunque, per commercializzare tutta l'offerta della stampa quotidiana regionale francese: per gli investitori il vantaggio di un solo interlocutore, una sola fattura, un solo giustificativo, un solo planning. Ma anche l’innovativa offerta #POD (Presse Quotidienne Régionale On Demand), ovvero la possibilità di offrire per la prima volta ad agenzie e inserzionisti l'acquisto di una campagna multi-locale o multi-città, sia su carta sia su web, utilizzando tutte le combinazioni possibili tra testate. Le testate di 366 vanno ad aggiungersi al portafoglio di SpeeD, un vero e proprio “sistema di comunicazione” che spazia dalla carta all’online, dagli eventi al mondo social, coinvolgendo un target di utenza ampio e diversificato, un territorio costituito da regioni tra le più ricche d’Italia, le più interessanti dal punto di vista della pianificazione pubblicitaria, caratterizzate da altissimi livelli di reddito, sia familiare che pro-capite, e da un’alta propensione al consumo.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI