• Programmatic
  • Engage conference

21/10/2019
di Caterina Varpi

Nasce RadioPlayer Italia, app per l'accesso alle radio italiane su tutti i device digitali

Firmato l'accordo tra Player Editori Radio e Radioplayer Worldwide per la app gestita direttamente dalle radio italiane. Il progetto consente agli editori di mantenere il controllo del contenuto trasmesso e della raccolta pubblicitaria

Player-Editori-Radio.jpg

Player Editori Radio, società costituitasi a luglio con l’obiettivo di attivare l’ascolto di tutte le emittenti italiane su tutti i dispositivi digitali, dalle autoradio agli smart speaker (ne abbiamo parlato qui), sceglie Radioplayer Worldwide come partner tecnologico per realizzare la prima app gestita direttamente dalle emittenti radio italiane. A breve i 44 milioni di ascoltatori settimanali della radio avranno a diposizione un accesso più rapido e semplice all’universo dello streaming audio e dell’offerta on demand, ai podcast, ai contenuti offline, ai video nativi delle emittenti, grazie all'app gratuita che aggrega le radio italiane che aderiranno all'iniziativa, RadioPlayer Italia. Oggi a Milano è stato firmato il contratto di licenza tra PER Srl e Radioplayer Worldwide, che è già partner di dieci consorzi nazionali nel mondo (Regno Unito, Germania, Austria, Belgio, Danimarca, Irlanda, Norvegia, Svizzera, oltre a Canada e Perù). Radioplayer Worldwide mette a disposizione innovazione e ricerca tecnologica, accordi con i grandi marchi dell’automotive e con i produttori di devices digitali, per sviluppare e promuovere l’interfaccia radio dei dispositivi. PER apre il mercato italiano a una rete di alleanze e di know-how in rapida diffusione nell’Unione Europea. “Oggi avviamo un’operazione di sistema che rafforza e tutela il bene comune Radio sul web – dichiara Lorenzo Suraci, Presidente di PER srl –, e presto i nostri ascoltatori avranno un accesso unificato a centinaia di stazioni su tutti i device: mobile, desktop, in-car e in-house. La Radio è un media potente e in constante evoluzione". Nascono così il primo aggregatore IP voluto dalle emittenti italiane e un’applicazione gratuita che promette di non “esportare” i dati personali degli utenti. Presto si apriranno le adesioni di tutte le radio interessate, di ogni tipo e dimensione. Il progetto consente agli editori di mantenere il controllo sia del contenuto trasmesso sia della raccolta pubblicitaria, cosa che non accade con aggregatori come l'applicazione TuneIn. “Contiamo di lanciare al più presto l’App su tutta la filiera digitale: connected cars, smart speakers, smart watches, smart TV, speakers wifi, oltre a smartphone, tablet e pc – aggiunge il Direttore di PER, Michele Gulinucci. – Ma i contenuti restano quelli nativi: nessuna intromissione, niente pubblicità indebita. La Radio si evolve restando se stessa”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI