• Programmatic
  • Engage conference

20/07/2018
di Cosimo Vestito

Purch vende la divisione B2C a Future US per 132 milioni di dollari

Il gruppo americano editore di Tom’s Hardware, la cui versione italiana è ora nuovamente di proprietà del fondatore Roberto Buonanno, sigla l'accordo per la cessione dei marchi rivolti ai consumatori e della piattaforma adtech Ramp

banner_art_071818-11.jpg

Purch, il gruppo editoriale americano, venderà la sua divisione B2C localizzata negli Stati Uniti, con tutti i marchi e i servizi relativi, alla filiale americana dell’editore britannico Future per 132 milioni di dollari. L'operazione non riguarda il mercato italiano, dove Purch ha operato con la testata Tom's Hardware Italia fino a maggio, mese in cui il suo fondatore e responsabile Roberto Buonanno ha riacquisito il marchio dopo che ne aveva ceduto la proprietà all'editore. La vendita a Future Us, che dovrebbe essere conclusa nel mese di agosto, coinvolge il marchio Purch e tutto il portafoglio di testate rivolte ai consumatori, tra cui Tom’s Guide, Tom’s Hardware, TopTenReviews, ShopSavvy, Live Science e Space.com. Future ha anche rilevato le attività ad-tech di Purch, tra cui la piattaforma di monetizzazione Ramp e il suo business legato alle licenze. La divisione business-to-consumer esclusa dall’accordo proseguirà le sue attività con il nome di Business.com, testata acquisita da Purch nel 2016 che insieme con Buyerzone, comprata nel 2014, ha contribuito a far crescer notevolmente la stessa divisione B2C. "In qualità di Ceo, è stata un’esperienza entusiasmante e gratificante contribuire guidare lo sviluppo di Purch come editore leader di mercato", ha commentato in una nota Greg Mason, Ceo di Purch. La nostra attenzione ai contenuti e al commercio e lo sviluppo di tecnologie di monetizzazione proprietarie ci hanno permesso di costruire un business diversificato e redditizio, evitando le sfide di modelli editoriali dipendenti dalla pubblicità. Stiamo unendo le nostre forze con un editore con idee simili e con forti risorse complementari. L’acquisizione da parte di Future della divisione B2C è un’opportunità per crescere più rapidamente e per realizzare appieno il potenziale di Purch". “Sono rimasto impressionato dalla forza delle piattaforme tecnologiche di Purch e dall’esperienza del suo personale", ha aggiunto il futuro amministratore delegato Zillah ByngThorne, "Insieme possiamo costruire un’organizzazione combinata che abbia dimensioni e opportunità di crescita future. Le due aziende condividono culture simili: la passione del nostro pubblico, siamo guidati dai dati, ambiziosi ed entrambi abbiamo una mentalità innovativa. Fin dal primo giorno, Future sarà il numero uno nel settore della tecnologia di consumo negli Stati Uniti, e oltre a questo vediamo chiare opportunità di crescita combinata”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI