• Programmatic
  • Engage conference

30/05/2019
di Caterina Varpi

Mediamond, raccolta digital e radio in crescita

Bene GialloZafferano, Mypersonaltrainer, Tgcom24 e i siti di tecnologia. La concessionaria pensa di chiudere il 2019 con un trend leggermente negativo a causa dell'andamento dei periodici

Davide Mondo

Davide Mondo

Dopo il lancio del canale benessere, l'integrazione dell'assistente Google e il restyling del magazine, oggi GialloZafferano ha presentato un'altra novità insieme a McDonald's. Si tratta delle McChicken Variations, due nuovi panini nati dall'esperienza del brand di Mondadori e della multinazionale (ne abbiamo parlato qui). Iniziative che fanno parte di un progetto di innovazione che vede un 2019 ricco di novità in chiave digitale e che ha coinvolto anche altre testate del Gruppo (ne abbiamo parlato qui).

GialloZafferano, la raccolta cresce a doppia cifra

L'iniziativa con McDonald's arriva in un periodo di novità per il brand di Mondadori: «Per GialloZafferano stiamo puntando molto sull'evoluzione del vocale. Siamo partner di Alexa per la cucina e Google ha presentato il sito come caso di successo alla sua conferenza dedicata agli sviluppatori. In questo ambito stiamo crescendo molto - spiega Andrea Santagata, Chief Innovation Officer del Gruppo Mondadori. - La piattaforma comprende diversi canali, ma la base sono il sito e i social, che contano quasi otto milioni di fan. Il sito e i social sono curati separatamente dal punto di vista dei contenuti. C'è poi una produzione su Canale 5 e la rivista, oltre agli show cooking sul territorio. A settembre partirà un'Ape Car brandizzata che girerà il nostro Paese per andare a scoprire il bello e il buono dell'Italia, non solo in cucina. Ora, con questa progetto con McDonald's, abbiamo iniziato anche a proporre dei prodotti». Il brand cresce anche dal punto di vista pubblicitario: «La raccolta sta andando bene. Il sito è il nostro core business, su cui lanciamo anche iniziative speciali con i clienti. Lavoriamo molto sui social per dialogare con gli utenti ma vanno bene anche la tv e la rivista. Da gennaio a maggio, GialloZafferano ha segnato una crescita double digit, consolidando un trend che prosegue da diverso tempo». «Per quanto riguarda le altre testate di Mondadori, abbiamo lanciato da poco un'iniziativa social per Donna Moderna, Dmbeauty su Instagram, mentre altri progetti riguarderanno Mypersonaltrainer, in cui saranno coinvolti blogger e influencer», conclude Santagata. Andrea Santagata

Mediamond, crescono digital e radio

La conferenza stampa di lancio del progetto nato dalla collaborazione tra GialloZafferano e McDonald's è stata anche l'occasione per fare il punto sull'andamento della concessionaria Mediamond. «L'andamento digital da gennaio a maggio è di leggera positività, poco al di sopra del trend del mercato - spiega Davide Mondo, amministratore delegato di Mediamond. - Vedremo cosa accadrà nei prossimi mesi, con un periodo estivo non omogeneo rispetto all'anno scorso, in cui ci sono stati i Mondiali di Calcio. La concessionaria, sempre per quanto riguarda il digital, dovrebbe chiudere il 2019 in crescita ma con un incremento che non sarà a doppia cifra. In questo contesto, alcuni dei nostri brand stanno invece ottenendo performance positive double digit». Tra questi GialloZafferano, come anticipato da Santagata, Mypersonaltrainer, Tgcom24 e i siti di tecnologia. «La strada che stiamo percorrendo è quella di diversificare la presenza digitale sui social dei marchi su cui puntiamo. In questo senso va il progetto Dmbeauty su Instagram, che sta andando molto bene». «Per quanto riguarda i periodici, registriamo invece da gennaio a maggio un trend negativo in linea con il mercato, mentre è positiva la radio con un aumento ad una cifra. Siamo al lavoro per far crescere i due mezzi che stanno segnando buoni risultati, il digital e la radio. Per Mediamond, complessivamente, i primi cinque mesi dell'anno sono leggermente negativi a causa dell'andamento negativo dei periodici. Guardando a fine 2019, penso che il trend di Mediamond sarà in leggero calo rispetto al 2018, sempre a causa dei periodici. Intanto, è aumentato il peso delle iniziative speciali che sono arrivate a pesare sul 30% del fatturato», ha concluso Mondo.

Mondadori punta su professional ed educational

Mondadori, che ha chiuso i primi tre mesi dell’anno con una perdita di gruppo di 3,5 milioni, in miglioramento di 10,1 milioni rispetto allo stesso periodo del 2018, e con ricavi a quota 166,8 milioni, in calo nei confronti dei 177,7 milioni del primo trimestre 2018, si aspetta di chiudere il 2019 con un risultato netto in crescita: «Come era già stato anticipato ad aprile in occasione della relazione all'assemblea degli azionisti, ci aspettiamo di chiudere il 2019 con un utile tra i 30 e 35 milioni di euro», spiega l'Amministratore Delegato Ernesto Mauri. Andrea Santagata Mondadori proseguirà nel corso dell’anno il percorso di riposizionamento strategico e di ulteriore focalizzazione sui core business, in particolare nell’Area Libri e puntando su nuovi settori: «Per crescere, oltre ai libri, abbiamo individuato come ambiti di interesse il settore professionale e la formazione».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI