• Programmatic
  • Engage conference

11/10/2019
di Andrea Salvadori

Hearst Magazine Italia: in arrivo il nuovo Cosmopolitan, «ancora più social e digitale»

Per intercettare le giovani lettrici, core target del magazine, il gruppo editoriale ha deciso di investire sui canali che oggi più frequentano

Marco Cancelliere a Engage Conference 2019

Marco Cancelliere a Engage Conference 2019

Novità in arrivo per Cosmopolitan, il mensile femminile di Hearst Magazine Italia. A fine ottobre, con l’uscita del numero di novembre, ha annunciato Marco Cancelliere, Direttore Generale Advertising di Hearst Magazine Italia, a Milano in occasione di Engage Conference, «Cosmopolitan si trasformerà e diventerà un brand innanzitutto social, quindi digital e infine cartaceo». Per intercettare le giovani lettrici, core target del magazine, il gruppo editoriale ha infatti deciso di investire sui canali che oggi più frequentano, ovvero le piattaforme social, a partire da Instagram. «Il digitale offre opportunità straordinarie, soprattutto attraverso i social media, per instaurare relazioni profonde con i consumatori e per poter così raccontare i prodotti, l’anima e il dna di un marchio», ha detto Cancelliere. «E lo permette grazie ad una centralità sempre maggiore assunta dal contenuto». La divisione pubblicitaria di Hearst, «è non a caso completamente cambiata negli ultimi anni, trasformandosi da struttura di commercializzazione di spazi a realtà impegnata nella vendita di servizi e contenuti». Inoltre la concessionaria è «al lavoro per ottimizzare l’offerta di dati correlata agli spazi pubblicitari, ed essere così in grado di fornire ai clienti servizi di consulenza di marketing da affiancare ai formati display e branded content». Marco-Cancelliere-Hearst-Eng-Conf Nel corso del 2019 Hearst ha investito molto per rafforzare la sua offerta digitale, sia sul fronte manageriale, ad esempio con l’ingresso nel gruppo di Massimo Russo, prima in Gedi, come chief digital officer Italia e Western Europe, sia a livello commerciale. Dopo l’intesa avviata a inizio anno con Teads per aumentare il volume d'affari garantito dai video pubblicitari instream (ovvero quelli che compaiono in modo autonomo all’interno dei testi degli articoli), a giugno la divisone pubblicitaria guidata da Marco Cancelliere ha stretto una partnership con Hoopygang, società che opera nel mercato dell'influencer marketing. Di recente il gruppo editoriale, in procinto di lanciare l'edizione italiana di Harper’s Bazaar (l'operazione dovrebbe avenire entro il primo trimestre del 2020) ha fatto sapere al mercato, con una nota stampa, che le sue property digitali hanno registrato a settembre il record di traffico con un aumento del 97% delle sessioni e una crescita del 59% dei browser unici (dati Google Analytics). In termini assoluti, le visite hanno superato i 22 milioni e gli utenti hanno raggiunto nel mese quota 12,6 milioni. I risultati censuari sono stati confermati dalle rilevazioni di Audiweb Weekly, che a settembre per la prima volta hanno visto quattro dei cinque siti di Hearst (Elle, Cosmopolitan, Marie Claire ed Esquire) entrare tra i primi 60 in Italia. Il bacino video ha quindi visto nei primi nove mesi dell'anno un aumento delle visualizzazioni del 325% rispetto alla fine del 2018.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI