• Programmatic
  • Engage conference

13/12/2019
di Teresa Nappi

Hearst Italia: Alan Prada è il nuovo Editor in Chief di Esquire e Harper's Bazaar

La nomina accorpa sotto un'unica regia i due brand lanciati più di recente dall'editore nel nostro Paese. Per Harper’s Bazaar, a febbraio 2020 previsto il lancio dell'edizione digitale

Alan Prada (Photo di Henrik Blomqvist)

Alan Prada (Photo di Henrik Blomqvist)

Alan Prada è Editor in Chief di Esquire Italia, testata dove  già ricopriva la carica di Creative Director da settembre del 2019. Una nomina che accorpa sotto la sua regia i due brand lanciati più di recente da Hearst in Italia: oltre a Esquire, Prada è infatti Editor in Chief di Harper’s Bazaar, ormai prossimo al debutto a febbraio 2020 con l'edizione digitale. Due progetti impegnativi dove l'esperienza di Prada è determinante, come afferma lo stesso Giacomo Moletto, Ceo Hearst Italia e Western Europe: «Prada è una figura riconosciuta a livello internazionale per la sua competenza nel mondo della moda e per il suo personale talento di anticipatore di tendenze. Qualità che permetteranno ai due brand di crescere insieme in modo sinergico, offrendo il meglio dell'informazione mondiale su società, fashion e stili di vita». Nella nota diffusa tra gli organi di stampa, l'editore esprime inoltre il suo ringraziamento a Timothy Small, che ha guidato fino ad ora Esquire, "il cui lavoro è stato fondamentale per il lancio e il consolidamento del brand. Il suo contributo sarà prezioso per altri incarichi in ambito internazionale", dice la nota.

Chi è Alan Prada

Alan Prada, dopo la laurea e il Master in Storia dell’Arte all’Università di Ginevra, con una parentesi a Firenze, inizia il suo percorso giornalistico in Elle Italia nel 2005. Nel 2007 Franca Sozzani lo chiama in Condé Nast per entrare a far parte della squadra de L’Uomo Vogue come Fashion Features Editor: la sua esperienza si sviluppa non solo su progetti puramente editoriali, ma anche sul branding strategico, comunicazione, branded content e sviluppo di nuove idee e contenuti di engage per clienti e key audience. Nel 2014 diventa Deputy Editor-in-Chief a L’Uomo Vogue e dal 2017 assume anche l’incarico di Deputy Editor-in-Chief a Vogue Italia. Da settembre 2019 è Creative Director di Esquire Italia.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI