• Programmatic
  • Engage conference

25/11/2019
di Teresa Nappi

Genius sceglie le soluzioni adv di WebAds per Italia, Spagna e Paesi Bassi

La concessionaria, guidata in Italia da Constantijn Vereecken, gestirà le inventory dell'enciclopedia della musica in questi territori EMEA, offrendo soluzioni video, content e display e ottimizzando l’esperienza mobile

Genius-HP-WebAds.jpg

Genius, la più grande enciclopedia di musica al mondo, si affida a WebAds per la gestione delle soluzioni pubblicitarie in Italia, Spagna e Paesi Bassi. WebAds - concessionaria guidata in Italia dal Managing Director Constantijn Vereecken - gestirà le inventory di Genius in questi territori EMEA, offrendo soluzioni pubblicitarie video, content e display e ottimizzando l’esperienza mobile degli utenti. Fondata originariamente come Rap Genius nel 2009, Genius nasce come piattaforma per l’annotazione di testi hip-hop alimentata dagli utenti ed utilizzata sia dai fan che dagli artisti. Da piattaforma di testi, Genius cresce fino a diventare leader all’interno della cultura musicale, invitando artisti, produttori e cantautori come Frank Ocean, Billie Eilish, Mariah Carey, Cardi B, Lil Nas X, Rick Rubin, Camila Cabello, e Lin-Manuel Miranda, a condividere il processo creativo dietro le loro hit. Genius permette integrazioni con servizi di streaming popolari come Spotify ed Apple Music, e ha prodotto programmi custom per brand partner come Nike, Disney e Marvel Studios, Dropbox e Adidas. Robert Elder, Cro di Genius, dichiara: «La comprovata abilità di WebAds nel raggiungere audience giovani e appassionate di musica, oltre che l’approfondita esperienza nel programmatic, rendono l’azienda il partner ideale per espandere la nostra presenza in Italia, Spagna e Paesi Bassi». «Siamo felici della partnership con Genius, presente per la prima volta nel mercato olandese, spagnolo e italiano», dichiara Xavier Schijffelen, Ceo di WebAds. «Siamo entusiasti di poter posizionare Genius in questi territori EMEA come il touchpoint privilegiato di Millennials e Gen Z».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI