• Programmatic
  • Engage conference

20/12/2017
di Caterina Varpi

Ciaopeople: +115% di fatturato dalla raccolta adv per il 2017. Nel 2018, focus sull'estero con Cookist

La crescita dei ricavi è legata alle due linee di vendita diretta premium del Gruppo e ai progetti di branded content

ciaopeople-claim.jpg

La concessionaria pubblicitaria di Ciaopeople chiude il 2017 con una crescita di fatturato pubblicitario a tripla cifra, con un +115% rispetto all’anno precedente, fa sapere l'azienda. Il gruppo editoriale a capo di Fanpage.it, The Jackal e il nuovo progetto Cookist, raccoglie i frutti di un lavoro svolto in ottica sempre client-oriented e attento alle logiche di fruizione dei contenuti da parte di una community social che sfiora i 45 milioni di fan. La crescita dei ricavi è legata alle due linee di vendita diretta premium del Gruppo e ai progetti di branded content. Buoni risultati che pongono le basi per un 2018 promettente. Giorgio Mennella, Sales Director della concessionaria del Gruppo, anticipa i progetti per il prossimo anno: «Per decidere di creare, far crescere e sviluppare un giornale indipendente, ci vuole molto coraggio. Riuscire a portarlo tra i primi d’Italia è un continuo lavoro, fatto di impegno, dedizione e professionalità. Il 2018 sarà, per Ciaopeople, l’anno dell’apertura ai mercati europei con Cookist e l’anno di un ulteriore salto avanti nell’innovazione per precorrere i trend e le evoluzioni del mercato pubblicitario. Per molti di noi Fanpage.it è più che un giornale, e in questi prossimi 12 mesi faremo di tutto affinché sempre più persone ed investitori arrivino a coglierne i valori».

Pubblicità e branded content

L’inventory di formati media disponibili su Fanpage.it vuole garantire ampie possibilità creative e occasioni di touchpoint con gli utenti. Il traffico ingente che confluisce sulla testata unito a una tecnologia innovativa rendono facile il raggiungimento dei kpi concordati, primi tra tutti la viewability: in particolare il pre-roll di Fanpage.it raggiunge in media l’85% di viewability, un valore superiore alla media di mercato del 61% (fonte IAS). Luca Marconato, Sales Coordinator della concessionaria, parla delle prossime sfide: «Nel 2017 siamo stati capaci di rispondere prontamente alle richieste del mercato in termini di kpi e saperci adattare ai cambiamenti in corso. Per i prossimi mesi puntiamo ad affrontare al meglio le sfide rappresentate dalla Coalition for better Ads e a focalizzarci su una sempre maggiore automazione dell’advertising». Un apporto notevole per il superamento degli obiettivi della raccolta pubblicitaria è attribuibile ai progetti di branded content realizzati da Ciaopeople su Fanpage.it. Vincenzo Piscopo, Head of Branded Content di Ciaopeople, spiega: «Ci eravamo posti come obiettivo per il 2017 la creazione di una unit dedicata al branded content di Fanpage.it e dopo un anno possiamo dire che la scelta è stata azzeccata. Il principale punto di forza è stato continuare a fare il nostro lavoro di editori anche e soprattutto nell’ideazione di contenuti prodotti con i brand. L’attenzione poi alla produzione e alla distribuzione di tutti i branded content sui nostri 20 canali verticali, che rappresentano a tutti gli effetti 20 community differenti, ha permesso di non stravolgere i nostri piani editoriali mantenendo la fiducia degli utenti che si sono fatti essi stessi promotori dei messaggi dei brand».

Un anno di novità

Il 2017 è stato l’anno della svolta per Ciaopeople. L’apertura della sede della concessionaria a Roma e l’ampliamento del team commerciale a Milano hanno consentito di consolidare il rapporto con i clienti e i centri media. L’inaugurazione degli Ciaopeople Studios, unit dedicata alla produzione video, ha incentivato ulteriormente l’ideazione di format impattanti: ne è l’esempio Cose Buone, format video di cucina pensato appositamente per la fruizione da social network. A completamente del cerchio, il restyling del sito corporate del Gruppo, che coincide con la comunicazione della nuova identità di Ciaopeople ‘’E’ bello condividere’’. ciaopeople-claim

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI