• Programmatic
  • Engage conference

30/08/2017
di Alessandra La Rosa

Cade un tabù: su BuzzFeed arrivano i banner

La testata, che aveva puntato sin dalla sua nascita sul Native, ospiterà Display sull'home page, sulle pagine degli articoli e sulle app mobile. Saranno venduti via Facebook e Google

Jonah Peretti

Jonah Peretti

Su BuzzFeed arrivano i banner. Dopo aver rifiutato la pubblicità display sin dalla sua nascita, puntando piuttosto su formati pubblicitari Native totalmente integrati nel flusso di notizie, il sito di news comincerà presto ad avere al suo interno banner pubblicitari. Secondo quanto riporta Business Insider, BuzzFeed ospiterà annunci display sulla sua home page, sulle pagine degli articoli e sulle app mobile, ma non gestirà autonomamente la loro vendita, optando piuttosto sul Programmatic. Gli spazi infatti potranno essere acquistati solo tramite Facebook Audience Network e DoubleClick Ad Exchange di Google. Una novità i cui obiettivi sono «sia tattici che strategici», come ha spiegato il CEO e fondatore di BuzzFeed Jonah Peretti: «Tatticamente, il Programmatic è migliorato in termini di tempi di caricamento, esperienza mobile e qualità degli annunci, e apre per noi nuovi modi di monetizzare il nostro ampio pubblico. Ma la mossa porterà anche benefici alla nostra strategia globale perché ci consentirà di generare fatturato in alcuni mercati prima di avere messo in piedi la squadra preposta alla monetizzazione Native». Jonah_Peretti-buzzfeed BuzzFeed sarebbe dunque alla ricerca di nuovi modi di diversificare e far crescere le sue fonti di ricavi, anche in vista di una possibile quotazione nel 2018. Quello che prima era solo un sito è oggi del resto un ecosistema complesso che comprende anche la distribuzione di video e l'ecommerce. E con un enorme bacino di utenti: 9 miliardi di visite al mese, secondo quanto ha dichiarato la stessa società, contando anche la reach sui social network. In ogni caso, BuzzFeed non abbandonerà il Native: «Il Programmatic è solo un'aggiunta alle varie fonti di ricavi che, sommate tutte insieme, renderanno la nostra una realtà ancora più forte», ha commentato Peretti.

ARTICOLI CORRELATI