• Programmatic
  • Engage conference

29/01/2020
di Francesco Tempesta

OOH, la ricerca AudiOutdoor evolve: arriva la post-valutazione delle campagne

Grazie a un accordo con Vodafone, lo strumento di misurazione potrà ora consentire valutazioni effettive delle campagne e delle opportunità di pianificazione. Con risvolti anche per il programmatic

Michele Casali

Michele Casali

Un mezzo "on the move" in tutti i sensi, che sta vivendo una importante evoluzione grazie alle innovazioni tecnologiche, all'utilizzo dei dati e al potenziale creativo che grazie ad essi è possibile sbloccare. È questa la fotografia del mercato Out of Home che è venuta fuori dal convegno organizzato oggi a Milano da AudiOutdoor, società di rilevazione delle audience della pubblicità esterna. Un evento in cui è stato fatto il punto su un settore che cresce a livello globale e che, soprattutto, sta cambiando profondamente. «L'Out of Home cresce nel mondo, più o meno in linea con la crescita del mercato pubblicitario, ed è un mezzo in continua evoluzione - ci ha spiegato Giovanna Maggioni, presidente AudiOutdoor -, sia da un punto di vista dell'impiantistica, che di formati e metodologie di utilizzo. Grazie alle tante innovazioni che la tecnologia oggi consente, tra cui l'uso dei dati, oggi è possibile utilizzare al meglio l'OOH, e trarre il massimo dalle possibilità creative che consente e dalla sua innata flessibilità. Non per niente viene utilizzato molto dalle società di ecommerce, o di tv non tradizionale, e da altre realtà "giovani" che sono pronte ad abbracciare le nuove possibilità di questo mezzo». E l'evoluzione dell'OOH passa anche da come questo mezzo viene misurato: proprio oggi, infatti, è stata presentata l'evoluzione della ricerca AudiOutdoor sulle audience dell'Out Of Home, che consente di misurare le pianificazioni OOH in maniera più robusta e precisa grazie a un importante accordo con Vodafone. «Oggi la ricerca AudiOutdoor è tra le più innovative in Europa - ha spiegato Michele Casali, Coordinatore del Comitato tecnico AudiOutdoor -. È composta in larga parte da dati censuari, il che la rende particolarmente solida, utilizza modelli evoluti e sfrutta in maniera sinergica varie fonti di dati. Ma per rispondere alle nuove esigenze del mercato, oggi la ricerca evolve, e dopo un lavoro di 4 anni è pronta ad annunciare importanti novità. Nel tempo AudiOutdoor ha fatto scouting di nuove fonti di dati per rendere la ricerca ancora più precisa, e dal frutto di questo processo di ricerca è nato un importante accordo con Vodafone, grazie a cui la ricerca potrà usufruire di dati su utenti unici a livello giornaliero in 25 aree in Italia. Una novità grazie alla quale la ricerca potrà ora offrire informazioni a livello stagionale, fare valutazioni su singoli eventi (come la Settimana della Moda o la Design Week), riuscendo a capire che impatto hanno sul pubblico, e fare post-valutazioni delle campagne». Michele Casali I vantaggi di questa rinnovata ricerca sono molteplici: «Offre informazioni più solide in base al reale periodo programmato, e una valutazione effettiva delle campagne, delle opportunità di pianificazione, e degli eventi che hanno impatto sulle audience. Non da ultimo, mette a disposizione degli strumenti per un effettivo calcolo del cpm e in ambito programmatic». Un'importante innovazione, che però è solo la prima di una serie di progetti che AudiOutdoor ha al momento allo studio. «Stiamo attualmente lavorando sulla misurazione della viewability e sull’introduzione del concetto di “visibility” - aggiunge Casali -, anche in un’ottica condivisa con gli altri Paesi. Inoltre, stiamo puntando all’upgrade della rete outdoor "road side", e nuovi progetti sono in cantiere anche sul fronte dei palinsesti digitali, dove stiamo cercando di rendere le misurazioni più precise per fornire valutazioni su specifici acquisti all’interno dei palinsesti».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI