• Programmatic
  • Engage conference

26/07/2018
di Lorenzo Mosciatti

Abbonati e pubblicità in crescita per Sky Italia

Il broadcaster annuncia intanto l'accordo per la trasmissione in esclusiva della MotoGP per altri tre anni, dal 2019 al 2021

Sky Italia chiude l’esercizio fiscale 2017-2018 con un giro d’affari in crescita del 6% ad oltre 2,6 miliardi di sterline (oltre 2,9 miliardi di euro), grazie all’aumento degli abbonati, dell’Arpu e dei ricavi pubblicitari. Il broadcaster ha potuto contare nel quarto trimestre dell'esercizio su 57.000 nuovi abbonati, portando la base totale a 4,823 milioni, mentre sono stati 133.00 i nuovi utenti che hanno acquisito prodotti a pagamento. Risultato record per il broadcaster per quanto riguarda l’Arpu, il ricavo medio per utente, arrivato a 45 euro, in progressione rispetto ai 42 euro del quarto trimestre 2017, mentre il churn, il tasso di abbondono, sale dal 9,1% al 10,1%. Nell'esercizio annuale bene i ricavi pubblicitari, in crescita del 13%, grazie alle “ottime prestazioni dei canali free e digitali”, si legge nella nota. Sky Group ha chiuso l'esercizio con ricavi in crescita del 5%, ad oltre 13,5 miliardi di sterline, l'utile è in aumento del 10% e 510.000 nuovi clienti (107.000 nel secondo trimestre del 2018). Intanto, la società guidata in Italia da Andrea Zappia ha annunciato oggi di aver rinnovato il contratto con Dorna Sports per la trasmissione in esclusiva della MotoGP per altri tre anni, dal 2019 al 2021, rafforzando così il suo palinsesto sportivo presentato di recente. L'intesa raggiunta riguarda anche le classi Moto2 e Moto3, e tutte le piattaforme, dal satellite al digitale terrestre sino alla fibra.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI