• Programmatic
  • Engage conference

26/09/2018
di Caterina Varpi

We Are Social esplora le realtà immersive nel terzo appuntamento di What the future

Il format dedicato ai trend che stanno influenzando il modo in cui le persone comunicano, ha raccontato perché le “realtà immersive” rappresentano già oggi un’opportunità per le aziende. Tra gli speaker MSC Crociere, Samsung e Thimus

iStock-594941720.jpg

Virtual reality, augmented reality, mixed reality, social Vr, queste sono le tecnologie esplorate da WTFuture Immersive Realities Edition che si è tenuto ieri sera presso la sede milanese di We Are Social. Cosa succede al cervello quando si trova di fronte a contenuti in realtà virtuale o aumentata? Le aziende stanno cogliendo le opportunità offerte da queste nuove forme di comunicazione? Come evolverà la fruizione dei contenuti? L’evento é stato l’occasione per confrontarsi su queste e ulteriori tematiche insieme ad alcuni brand che hanno già iniziato a lavorare in quest'ambito. Oltre al punto di vista di We Are Social, WTFuture Immersive Realities Edition ha ospitato infatti le voci di Msc Crociere, con Andrea Guanci, Marketing Director, e Samsung, con Antonio Bosio, Product & Solutions Director, che hanno offerto la loro visione sulle realtà immersive e sugli sviluppi previsti per i prossimi mesi, grazie al racconto di casi concreti. Al loro fianco il lavoro di ricerca neuroscientifica di Thimus con Mario Ubiali e Andrea Bariselli, Co-Founders, che ha permesso di analizzare e approfondire in che modo queste tecnologie hanno un impatto sulle emozioni e sui comportamenti delle persone. «L’attenzione attorno a queste tecnologie è sempre più alta, anche perché è sempre più ampia la loro diffusione. Ognuno di noi ha oggi in tasca, spesso senza saperlo, un dispositivo che permette di fruire di contenuti AR, ma ci troviamo ancora in uno stadio sperimentale, soprattutto per quanto riguarda i contenuti di questo tipo - commenta Luca Della Dora, Marketing & Innovation Director We Are Social. - Per i brand è molto importante capire che impatto possono avere le realtà immersive in tutti gli step della customer journey. E l’obiettivo del terzo episodio di WTFuture è stato anche questo: discutere insieme di quello che è già stato fatto e di quello che potrà essere fatto nei prossimi mesi».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI