Mobile World Congress 2018: le novità più attese

Dal lancio del Samsung Galaxy S9, al crescente uso dell’Intelligenza Artificiale fino alla progressiva affermazione del 5G: tre elementi attorno a cui si gioca l’edizione 2018 del Mobile World Congress

di Andrea Di Domenico
26 febbraio 2018
mobile-world-congress-barcellona-2016

Il lancio del Samsung Galaxy S9, il crescente uso dell’Intelligenza Artificiale, la progressiva affermazione del 5G: è intorno a questi tre elementi che si gioca l’edizione 2018 del Mobile World Congress, l’evento più importante a livello mondiale per tutto ciò che ruota attorno alle tecnologie per il mobile che da oggi fino a giovedì 1 marzo va in scena al Fira Barcelona.

A livello hardware, le attese si concentravano soprattutto sul nuovo Samsung Galaxy S9, presentato il 25 febbraio nell’evento di lancio del MWC. Come da anticipazioni, la casa coreana, nell’aggiornare un dispositivo che reputava già quasi perfetto (l’S8), ha cercato di migliorare il più possibile l’esperienza d’uso, puntando principalmente su tre cose: la fotocamera, l’entertainment (con le AR Emojy, la risposta di Samsung alle animoji di Apple), la connettività.

Gran parte della presentazione è stata dedicata alla nuova fotocamera, notevolmente migliorata per competere con i migliori standard del settore. Uno sforzo che non deve sorprendere: come fa notare Mark Spoonauer, editor in chief di Tom’s Guide, la bibbia per gli appassionati di tecnologia che fa capo al network Purch (editore in Italia di Tom’s Hardware), la fotocamera è «un aspetto decisivo per i consumatori, più di altre specifiche come processori, capacità di memoria e jack per gli auricolari».

Un altro dettaglio di particolare rilievo è rappresentato dall’utilizzo dell’intelligenza artificiale (AI): il sistema di machine learning Bixby Vision aggiunge una serie di funzioni intelligenti alla fotocamera, come la traduzione simultanea dei cartelli e dei menu. “L’Intelligenza Artificiale è un tema importante per tutto il settore, come possiamo notare nella nuova funzionalità Face ID di iPhone X e nel riconoscimento degli oggetti della fotocamera di Huawei Mate 10 Pro“, ha confermato Spoonauer, che aggiunge “La sfida, oggi, è quella di rendere il machine learning e l’intelligenza artificiale funzionali e divertenti per gli utenti“.

Una sfida che valer non solo per i produttori di dispositivi: Tra i grandi nomi presenti alla kermesse c’è anche Google, che secondo indiscrezioni parlerà dei suoi piani per portare la realtà aumentata sui dispositivi mobili. Al centro di questi piani ci sarà la realizzazione di ARCore, un framework che consentirà a sviluppatori terzi di far funzionare app di Augmented Reality sui telefoni Android. Oath, dal canto suo, ha approfittato del MWC per lanciare dei nuovi formati pubblicitari mobile in cui spicca la novità dell’integrazione della realtà aumentata nelle creatività (leggi qui l’articolo dedicato).

Un altro argomento caldo del MWC sarà la progressiva affermazione del 5G. “AT&T ha già annunciato il lancio del suo primo network in 12 città entro la fine dell’anno, mentre altri sviluppi sono attesi tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019. Si tratta di una novità importante non solo per i telefoni, ma anche perché garantirà connettività a diversi IOT device (smart home, automobili, etc.), mettendoli in comunicazione tra loro. Ci aspettiamo molti altri annunci riguardanti il 5G da tutti i principali player presenti all’evento, non solo dalle compagnie telefoniche ma anche produttori di chip come Qualcomm e Intel”, ha detto in proposito Spoonauer.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.