IAB Forum 2015: Outbrain spiega le opportunità del native advertising

Alberto Mari, country manager di Outbrain in Italia, dimostrerà in che modo content marketing e native advertising rappresentino un valore per publisher, brand e consumatori

di Caterina Varpi
19 novembre 2015
Alberto-Mari-Outbrain-Italia
Alberto Mari

Outbrain, la piattaforma di content discovery che permette a brand, editori e agenzie di incrementare l’engagement della propria audience, parteciperà a IAB Forum 2015 con un workshop personalizzato dal titolo “Le opportunità del native. Vuoi scoprire il valore del native per il tuo business?” che si terrà il 1° dicembre alle 17.15 presso la Sala Brown 1.

Alberto Mari, country manager di Outbrain in Italia, dimostrerà con il suo intervento in che modo il content marketing e il native advertising rappresentino un valore reale per tutti gli attori coinvolti nel processo di comunicazione digitale: publisher, brand e consumatori. Il 79% degli editori (fonte: Polar, febbraio 2015) usa contenuti sponsorizzati per le proprie campagne native che rappresentano un’importante fonte di monetizzazione. Anche per i brand le strategie di content discovery sono un valido strumento per arrivare al pubblico: il 70% dei consumatori (fonte: Content Plus 2013) ha dichiarato che preferisce scoprire e conoscere un’azienda attraverso contenuti piuttosto che pubblicità tradizionale. Un trend che trova riscontro nei lettori che nell’82% dei casi (fonte: Content Marketing Association 2013) dichiarano la disponibilità a leggere contenuti di brand purché interessanti e di valore.

Il native advertising è già venuto in soccorso di marchi ed editori in merito alla banner blindness o alla capacità degli utenti di riconoscere immediatamente e ignorare i formati display standard. Gli inserzionisti stanno investendo di più su questo tipo di annunci, infatti eMarketer stima che i marchi negli Stati Uniti spenderanno 4,3 miliardi di dollari in native quest’anno, con un aumento del 34% rispetto allo scorso anno.

«Noi riteniamo che il native advertising possa rappresentare la strategia più efficace da applicare per pianificare campagne di comunicazione digital di successo – afferma Mari- Il native advertising e il content marketing sono trend in crescita destinati a durare nel tempo. Cambieranno i toni dei messaggi, si allargheranno le basi socio-demo, ma rimarrà costante un fattore: che le aziende dovranno fornire messaggi interessanti per avere riscontri positivi dal mercato».

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.