L’era dei Millennials al centro del 7° Forum WPP-Ambrosetti. Ecco tutti gli interventi

Si è svolto a Milano l’evento intitolato “Il ruolo della comunicazione per la società di domani. Generare valore e cambiamento culturale”

di Lorenzo Mosciatti
16 novembre 2018
Viscardi-D'Amico-Salvatores

Una giornata di lavori interamente dedicata ai Millennials, in quanto motore di sviluppo, popolazione chiave per la progettazione del futuro e per il mantenimento degli attuali livelli di consumo e benessere dell’Italia, stretti tra evoluzione e convivenza con altre tre generazioni.

Si è svolta oggi a Milano, al Magna Pars, la settima edizione del Forum “Il ruolo della comunicazione per la società di domani – Generare valore e cambiamento culturale”, tappa finale del percorso annuale dell’Advisory Board WPP/The European House – Ambrosetti, che nel tempo si è affermato come evento di riferimento per imprese, istituzioni e operatori del settore. Gli interventi che si sono susseguiti durante la mattinata di lavoro de Forum sono stati coordinati e introdotti da Ilaria D’Amico.

Massimo Costa, Country Manager WPP Italia, e Valerio De Molli, Managing Partner di The European House – Ambrosetti, sono stati i primi ad intervenire. Costa ha sottolineato come i Millennials abbiano assunto un ruolo centrale nello sviluppo dell’economia e della società italiane. “Sono i Millennials i genitori di oggi, gli influencer e i decision makers che orientano consumi e costumi. Ma mentre una nuova leva di politici ha saputo intercettarne i bisogni e le aspettative rivolgendosi loro in modo diretto grazie alle piattaforme tecnologiche, non sempre le aziende hanno saputo fare altrettanto”. De Molli ha aperto i lavori del Forum illustrando agli oltre 250 imprenditori e manager presenti il lavoro svolto dai membri dell’Advisory Board WPP Italia nel 2018.

La prima parte del Forum WPP è stata dedicata ai nuovi paradigmi che emergono dall’analisi dei comportamenti dei Millennials nei mercati di beni e servizi. Federico Capeci, Ceo di WPP Kantar Insights Italia, ha presentato la sua analisi sui nati tra il 1982 e il 1997, chiedendosi se per dialogare con loro sia necessaria una nuova tipologia di marketing. Marco Costaguta, presidente di LTP, ha portato la sua riflessione più avanti, proponendo un’analisi comparativa tra i Millennials e la Generazione Z, quella dei giovani nati dal 1998 in avanti, già molto diversi nei loro consumi. Francesco Pugliese, Amministratore Delegato di Conad, ha condiviso l’esperienza di contatto della sua azienda con i giovani adulti. Cristina Scocchia, Amministratore Delegato di Kiko, ha presentato i risultati di una ricerca condotta sulle ragazze Millennials, elaborando una suddivisione di questo gruppo, cruciale per comprendere meglio in quale direzione andranno i loro consumi nei prossimi anni.

Valerio De Molii
Valerio De Molii

Andrea Zappia, Amministratore delegato di Sky Italia, ha analizzato l’evoluzione delle produzioni video per i Millennials, la prima generazione che segue i programmi televisivi da altri schermi. Lorenzo Sironi, Senior Marketing Director Italia del Gruppo Campari, ha invece presentato un caso in cui i Millennials italiani hanno portato una abitudine italiana, l’aperitivo, in tutto il mondo, con prodotti innovativi che hanno contribuito a creare un vero e proprio “nuovo rito”.

Silvia Candiani
Silvia Candiani

L’attenzione si è quindi spostata sulle competenze dei Millennials, con gli interventi di Silvia Candiani, Amministratore Delegato di Microsoft Italia, di Danilo Taino, editorialista del Corriere della Sera, e di Aldo Bisio, Amministratore Delegato di Vodafone Italia. Quest’ultimo ha presentato i programmi di formazione al “coding” avviati dalla sua azienda per avere anche in Italia un sufficiente numero di giovani in grado di scrivere i codici degli algoritmi alla base di ogni proposta innovativa.

Aldo Bisio
Aldo Bisio

Dopo i membri dell’Advisory Board di WPP Italia, hanno preso la parola i Millennials. Julian Melchiorri, fondatore di Arborea, ha presentato la sua visione e la sua attività di tecno-biochimico. Matteo Sarzana, General Manager di Deliveroo Italia, ha parlato dell’evoluzione del lavoro dovuta al moltiplicarsi delle app che offrono servizi. Giuseppe Stigliano, Executive Director di AKQA Europe, ha presentato il suo decalogo per un retail 4.0, contenuto in un libro che ha appena pubblicato con il professor Kotler. Vittoria Gozzi, Presidente di WyLab, ha presentato il suo incubatore di start up nel settore dello sport. Infine, Matteo Polistina di The European House – Ambrosetti ha presentato “The Peres Heritage Initiative”, il premio destinato a giovani imprenditori, attivisti, ricercatori o innovatori sociali che si sono distinti per gli eccellenti risultati raggiunti in ambiti affini all’attivismo politico e umanitario di Shimon Peres.

Sofia Viscardi e Gabriele Salvatores hanno concluso il Forum con un confronto sulle modalità di creazione dei contenuti delle loro generazioni: una importante occasione per misurare le distanze e i punti di contatto tra persone che si esprimono attraverso il video e la scrittura.

Massimo Costa ha chiuso i lavori del Forum ricordando come “Forse solo gli studenti del ’68, escludendo gli aspetti violenti che hanno caratterizzato quegli anni, hanno avuto un impatto sulla struttura sociale, dei consumi e sulle abitudini degli italiani paragonabile a quella che stanno avendo i Millennials. Per questo – ha concluso Costa –  elaborare nuove metodologie di contatto e ingaggio dei Millennials è importante per lo sviluppo sociale del Paese e per la crescita economica delle imprese”.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.