Cannes Lions 2019, Publicis salva il bilancio dell’Italia al Festival. In calo i premi ottenuti

La creatività tricolore non brilla quest’anno sulla Croisette. Diminuiscono le statuette, a fronte, comunque, di un minor numero di campagne iscritte

di Alessandra La Rosa
21 giugno 2019
cannes-lions-2019

Con la premiazione della categoria Film, si è chiusa venerdì sera l’edizione 2019 dei Cannes Lions. Un’edizione, per l’Italia, vissuta soprattutto nel segno di Publicis Italy.

L’agenzia ha portato infatti a casa tutti i premi assegnati alla creatività tricolore, la maggior parte dei quali con le campagne realizzate per Diesel. Il soggetto “Ha(u)te Couture” ha ottenuto un Argento e un Bronzo nella categoria Brand Experience & Activation, e un Argento e un Bronzo in Social & Influencer; “Be a Follower – Side:biz” ha vinto un Argento in Brand Experience & Activation, e due Argenti in Social & Influencer; “Be a Follower” ha ottenuto un Oro in Social & Influencer; “Diesel x Mustafa” ha avuto un Argento in Social & Influencer e un Bronzo in Outdoor.

A questi si aggiunge un importante Argento, ottenuto nella prestigiosa categoria Film con la campagna “Unmissable” di Heineken, e due premi in Outdoor: l’argento con la campagna “Lessons for good” per Leroy Merlin e il Bronzo con “The Sign” per Coca-Cola.

Ma al netto di questo successo personale dell’agenzia, com’è andata quest’anno l’Italia al Festival?

Se facciamo un confronto con l’anno scorso, non benissimo. Il palmares italiano quest’anno si è fermato a 13 statuette (un Oro, 8 Argenti e 4 Bronzi), poche rispetto a quelle del 2018, in cui erano 21: 3 Ori, 6 Argenti e 12 Bronzi. E 21 erano stati i riconoscimenti anche nel 2017: 2 Ori, 4 Argenti e 15 Bronzi. Nel 2016, invece, i premi furono solo 8, nonostante l’altissimo numero di lavori iscritti: ben 739, più del doppio delle 369 entry di quest’anno.

Le 369 campagne italiane iscritte alla manifestazione sono state di meno anche rispetto a quelle dello scorso anno, quando se ne contavano 448. Mentre sono stati di più gli italiani nelle giurie: dai due del 2018 si è passati ai sette del 2019, con diversi esponenti del mondo del digital.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.