• Programmatic
  • Engage conference

16/06/2021
di Alessandra La Rosa

Che impatto ha l’influencer marketing sulle decisioni di acquisto dei giovanissimi?

Uno studio di ONIM getta luce sul rapporto della Gen Z con creator e piattaforme social in Italia

  • 2 di 4

Una Gen Z che vuole scoprire novità, anche lato brand

genz2.jpg

Se la pubblicità online resta una forma di “scoperta” importante, il passaparola (34%) e i consigli di celebrità (19%) e influencer (21%) si dimostrano determinanti, così come i siti di recensioni (22%) e comparazione (23%). Un’ulteriore conferma, questa, della valenza degli influencer nei processi di acquisto.

Motori di ricerca (57%), Social media (51%) e recensioni (36%) sono i canali principali attraverso cui i giovani appartenenti alla Gen Z ricercano invece maggiori informazioni sui brand di loro interesse. Peculiari di questa generazione sono i social media, i blog e siti web dei brand.

Le modalità d’acquisto rispecchiano una generazione sempre più digitale, che preferisce gli acquisti online e con carta, nonostante l’esperienza d’acquisto in negozio abbia un ruolo ancora importante. Che sia online o in-store, per i giovani della Gen Z ciò che è fondamentale non non è l’acquisto di un prodotto, bensì di un’esperienza. Tra gli elementi che spingono all’acquisto, oltre la qualità dei prodotti (52%), si affiancano motivazioni interessanti come il livello del customer care (33%) e l’amore per il brand (32%).

La “relazione” è però un fattore chiave per la Gen Z: il 24% raccomanda un brand quando si sente coinvolto e parte di un qualcosa; il 23% Raccomanda un brand che gli fornisca un accesso a contenuti o servizi esclusivi; e il 15% raccomanda un brand rilevante per gli interessi dei propri amici.

scopri altri contenuti su
  • 2 di 4

ARTICOLI CORRELATI