Stampa, i ricavi pubblicitari a -11,4% a gennaio e febbraio

I quotidiani registrano un andamento negativo a fatturato del 13,5% mentre i periodici lasciano sul campo il 6,3% dei ricavi

di Caterina Varpi
02 aprile 2019
publicis-ricerca-stampa

Nel giorno in cui l’Osservatorio FCP Assointernet segnala una crescita dello 0,5% dei ricavi pubblicitari per febbraio (ne abbiamo parlato qui), il fatturato pubblicitario della stampa registra a gennaio-febbraio registra un calo dell’11,4%, proseguendo con il trend negativo già avviato da qualche tempo (ne abbiamo parlato qui). Lo dicono i nuovi dati dell’Osservatorio Stampa FCP.

In particolare i quotidiani nel loro complesso registrano un andamento negativo a fatturato del 13,5%  e a spazio del 4,5%. Guardano le singole tipologie, la nazionale ha evidenziato un decremento del 15,3% a fatturato e del 14,4 %a spazio, la locale dell’8,1% a fatturato e dello 0,7% a spazio. La tipologia legale ha segnato -10,2% a fatturato e -22,6% a spazio mentre la finanziaria ha registrato -42,7% a fatturato e -41,5% a spazio. La classified perde l’11,8% a fatturato e il 2,3% a spazio.

I periodici segnano un calo sia a fatturato del 6,3% sia a spazio del 9,2%. I settimanali hanno un andamento negativo a fatturato del 3,8% e a spazio del 10,1% mentre i mensili segnano un calo a fatturato dell’11,5% e a spazio del 9%.

Le altre periodicità registrano un andamento positivo sia a fatturato (+24,3%) sia a spazio (+2,9%).

Stampa-FCP-feb-19

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.