Pubblicità, il semestre chiude in negativo: -1,3% secondo Nielsen

Il -20% registrato dalla TV a giugno, che sconta l’assenza di grandi eventi sportivi, porta il mercato al segno meno. E senza Google e Facebook, il confronto con il 2018 recita -5,7%

di Simone Freddi
01 agosto 2019
Alberto-Dal-Sasso-Nielsen
Alberto Dal Sasso

L’estate senza eventi sportivi di massa, l’economia che ristagna e l’incertezza politica frenano le dinamiche del mercato pubblicitario italiano, che vira verso il segno meno: secondo i calcoli di Nielsen, il mese di giugno si è chiuso a -6,8% rispetto allo stesso periodo del 2018, portando la raccolta nel primo semestre in negativo (-1,3%).

Un risultato che viene reso più severo se dalle stime si scorporano i big internazionali del digitale come Facebook e Google. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search, social, classified (annunci sponsorizzati) e dei cosiddetti “Over The Top” (OTT), l’andamento nel periodo gennaio – giugno si attesta infatti a -5,7%.

“Al di là delle dinamiche congiunturali note e proprie del mercato pubblicitario in un periodo che si confronta con un mese di giugno 2018 fortemente condizionato dall’impatto positivo dei Mondiali di Calcio, è necessario tenere in considerazione il quadro economico in cui le aziende stanno operando in Italia” spiega Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen.

“E’ recente la stima flash dell’Istat che conferma la stagnazione in cui si muove il Paese da ormai 5 trimestri e la “crescita zero” tendenziale dell’ultimo trimestre dell’anno: tutto questo in un più ampio contesto dove anche l’Eurozona rallenta la crescita e l’inflazione diminuisce. Si tratta quindi di dati non confortanti per le aziende che devono effettuare le proprie scelte di investimento in uno scenario incerto, anche dal punto di vista politico” – conclude Dal Sasso.

I singoli mezzi: brusca frenata per la tv

Nielsen-semestre-pubblicita

Relativamente ai singoli mezzi, la TV è il mezzo che risente maggiormente dell’assenza del Mondiali di calcio, con un calo nel singolo mese del -20%. Il primo semestre si chiude così a -6,3%.

In negativo i quotidiani, che a giugno perdono il -7,6%, consolidando il periodo cumulato gennaio-giugno a -10,1%. Stesso andamento per i periodici, sia nel singolo mese che per il semestre, con cali rispettivamente del -11,1% e -14,7%.

Il mese di giugno è in calo per la radio, che registra un decremento del -2,2% rispetto a giugno 2018. Rimane tuttavia in positivo (+1,4%) la raccolta per i primi sei mesi di quest’anno.

Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nel primo semestre mesi del 2019 chiude in positivo, a +8,5% (+1,2% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet).

Cinema e GoTv sono in crescita rispettivamente del +24,8% e del +5,8%. In negativo l’outdoor (-6,2%) e il transit (-3,0%).

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano sei in crescita, con un apporto di circa 32 milioni di euro. Per i primi 10 settori solo 2 hanno un andamento positivo: si tratta di media/editoria (+1,3%) e tempo libero (+10,9%). Per gi altri settori si evidenzia il calo di telecomunicazioni (-22,2%), Automobili (-8,5%), Bevende/alcoolici (-9,2%) e cura persona (-11,8%), che investono complessivamente circa 100 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo 2018.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.