Nielsen, la pubblicità cala a luglio (-1,6%) e nei 7 mesi (-1,3%)

L’andamento nei primi sette mesi si attesta a -5,9% se si esclude dalla raccolta web la stima della società su search, social, classified e quella degli OTT

di Alessandra La Rosa
17 settembre 2019
advertising

Chiude in negativo a luglio il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia secondo gli ultimi dati Nielsen, che registrano un -1,6% rispetto a un anno fa e una raccolta nei primi 7 mesi dell’anno a -1,3%. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen su search, social, classified (annunci sponsorizzati) e quella dei cosiddetti “Over The Top” (OTT), l’andamento nel periodo gennaio – luglio si attesta a -5,9%.

«Come previsto, anche il mese di luglio si conferma in calo se confrontato con lo stesso periodo del 2018 su cui avevano inciso positivamente i Mondiali di Calcio – commenta Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen -. Il decremento è, tuttavia, meno drastico del previsto in quanto luglio 2018, con un aumento dell’8,7%, è stato il mese di maggiore crescita dell’anno e quindi ci si sarebbe potuti aspettare un rimbalzo negativo più evidente».

«Quello appena trascorso è stato un mese di luglio politicamente turbolento, che ha portato all’epilogo il Governo “Conte uno” – continua Dal Sasso -. Oggi siamo all’inizio di una fase le cui dinamiche politico-economiche potranno essere valutate solo dopo la manovra d’autunno e nell’ambito delle previsioni economiche UE e globali, non così ottimistiche. L’agenzia di rating Moody’s prevede una leggera crescita del Pil nella seconda metà dell’anno, grazie agli sviluppi positivi sul mercato del lavoro e sulle esportazioni. Un’auspicabile ancorché non prevedibile stabilità politica sarà condizione necessaria anche se non sufficiente a contrastare uno scenario di bassa crescita dell’economia e ad alimentare la propensione delle aziende a investire, anche in comunicazione».

L’andamento per mezzi

nielsen-luglio-2019

Relativamente ai singoli mezzi, la TV è il mezzo che risente anche a luglio dell’assenza del Mondiali di Calcio, con un calo nel singolo mese del -9,8% e un consolidamento dei primi 7 mesi a -6,6%.

In negativo i quotidiani, che a luglio perdono il -11,4%, consolidando il periodo cumulato gennaio-luglio a -10,3%. Stesso andamento per i periodici, sia nel singolo mese che per i primi 7 mesi, con cali rispettivamente del -15% e -14,7%.

Di nuovo in positivo la radio, che a luglio registra un incremento del 7,1% rispetto al 2018 e porta a +2,1% la raccolta per i primi 7 mesi di quest’anno.

Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nei primi 7 mesi mesi del 2019 chiude in positivo, a +8,4% (+1,5% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet). Cinema e GoTv sono in crescita da gennaio a luglio rispettivamente del +23,6% e del +8,4%. In negativo l’outdoor (-6,8%) e il transit (-4,6%).

L’andamento per categorie merceologiche

nielsen-luglio-2019-1

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 7 in crescita, con un apporto di circa 21 milioni di euro. Per i primi 10 settori solo tre hanno un andamento positivo: si tratta di tempo libero (+7,2%), media/editoria (+0,4%) e farmaceutici (+0,3%). Per gli altri settori si segnala in particolare il calo di telecomunicazioni (-20,6%), automobili (-10,7%), abitazione (-12,9%) e cura persona (-12,6%), che investono complessivamente circa 114 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo 2018.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.