Audiweb Weekly: news, entertainment e food le categorie di siti più letti durante l’emergenza Covid

La società ha analizzato i trend del report relativi a tutte le settimane dal 17 febbraio al 7 giugno degli editori aderenti alla rilevazione

di Caterina Varpi
24 giugno 2020
news-digital-Table-Stakes-Europe

News & Information, Entertainment e Home & Fashion sono le categorie di siti più lette durante l’intero periodo di emergenza Covid-19 secondo Audiweb, che ha analizzato i trend del report Audiweb Weekly relativi a tutte le settimane dal 17 febbraio al 7 giugno degli editori aderenti alla rilevazione. La società ha pubblicato anche i dati per quanto riguarda la settimana dall’1 e il 7 giugno.

Notizie, Broadcaster e Cucina tra le categorie più viste

E’ stata elaborata un’analisi dell’andamento delle categorie di siti più rilevanti – News & Information (con la principale sotto-categoria Current Events & Global News che ha fatto da traino per l’intera categoria), Home & Fashion, Entertainment, Family Lifestyle – e iscritti alla rilevazione Audiwed Weekly, così da rappresentare in modo in modo completo e dettagliato quanto e come le audience siano state influenzate dai principali eventi dei mesi caratterizzati dalla pandemia, dalla Fase 1 che segnava l’inizio del lockdown per tutta l’Italia, all’inizio della Fase 3 di “nuova normalità”.

L’analisi delle tendenze è stata elaborata partendo dalle variazioni medie dei siti in tutte le settimane dal 17 febbraio al 7 giugno rispetto al periodo di pre-emergenza (settimana media 20/1-16/2). Le tendenze delle singole categorie sono osservate ponendo come indice il valore delle settimane precedenti (indice 100: media delle 4 settimane 20/01-16/02).

La curva complessiva sintetizza l’andamento generale delle audience nelle varie fasi dell’emergenza emergenza: lo slancio iniziale, all’avvio della prima Fase di emergenza, con variazioni elevatissime (indice = 170) che si sono via via ridimensionate ma con picchi evidenti in corrispondenza di eventi decisivi, fino a tendere verso la “nuova normalità”, caratterizzata da dati più contenuti rispetto all’impennata iniziale, ma ancora leggermente più elevati rispetto alla media delle settimane pre-emergenza.

Trend-brand-categorie-covid

Entrando nel vivo delle differenti fasi del periodo analizzato e dei trend delle singole categorie più rilevanti in Audiweb Weekly, emerge subito l’iniziale accelerazione dei siti della categoria News & Information in corrispondenza delle notizie sui primi contagi, seguiti dai Broadcaster che condizionano la categoria Entertainment. L’incremento, sostenuto, dei siti della categoria Home & Fashion dedicati alla cucina e alle ricette viene seguito da fasi calanti alternate a riprese che mantengono anche nella Fase 2 livelli di audience più alti rispetto al periodo pre-virus.

Trend-categorie-covid

Fase 1: impennata dei siti di News

I dati dell’ultima decade di febbraio – in concomitanza con le prime notizie sul paziente 1 – evidenziano l’inizio di un’impennata culminata l’11 marzo, quando il decreto del Governo ha dichiarato l’Italia “zona rossa”, in cui i siti di News & Information sono stati i primi ad essere impattati.

Anche la categoria Entertainment mostra un trend crescente grazie soprattutto alla presenza dei principali broadcaster che hanno ripreso le notizie legate al diffondersi dell’emergenza.

Nello stesso periodo i dati per la categoria Home & Fashion, e in particolare i siti di Food & Cooking, sono influenzati dalla ricorrenza del Carnevale. Meno evidente la crescita dei siti di Family & Lifestyle, che racchiude i principali contenuti dedicati alle donne, il cui leggero aumento in questo periodo non è riconducibile al tema Covid.

A partire dalle settimane immediatamente successive al picco dell’11 marzo e fino al 26 aprile, dunque in piena fase 1 di emergenza, si osservano valori ampiamente sopra la media per tutte le categorie osservate i cui contenuti, per ragioni differenti, hanno svolto un ruolo rilevante nella quotidianità degli italiani.

I siti di News & Information, grazie alle notizie in tempo reale, sono stati cruciali nel rispondere al bisogno quasi compulsivo di essere aggiornati sulla pandemia e sui provvedimenti delle istituzioni. Importante è stato anche il ruolo dei siti della categoria Home & Fashion che, anche a causa dell’impossibilità di uscire e l’avvicinarsi delle festività pasquali, sono stati per gli italiani fonte d’ispirazione per nuove ricette e in generale per i temi di food & cooking, complice la riscoperta delle preparazioni domestiche.

Anche la categoria Entertainment, trainata dai Broadcaster e dai siti dedicati al mondo dei libri e alla lettura, ha attirato l’attenzione degli italiani alla ricerca di forme alternative di intrattenimento segnando in media una crescita nonostante la sofferenza dei siti di Sport e delle Radio per i quali si osserva l’effetto negativo dello stop alle attività sportive e alla mobilità.

Infine anche i siti della categoria Family & Lifestyle hanno visto aumentare le proprie audience, seppur in misura minore rispetto alle altre categorie.

Questa fase procede per oscillazioni nelle diverse settimane e sembra concludersi in concomitanza dell’annuncio, il 26 aprile, della cosiddetta Fase 2 che a partire dal 4 maggio avrebbe gradualmente riaperto molte attività.

Fase 2: verso la normalizzazione delle audience

Proprio durante la Fase 2, compresa tra il 4 maggio ed il 3 giugno, ci si avvia verso la normalizzazione delle audience e si osserva un trend in calo su tutte le categorie, con dati comunque più alti rispetto al periodo pre-emergenza.

Se da un lato sale l’attenzione per le ricadute economiche dall’altro le notizie sempre meno critiche dal fronte sanitario, la ripresa di diverse attività lavorative, la possibilità di poter svolgere alcune attività sportive distanti da casa e la ritrovata mobilità nell’ambito regionale temperano l’effetto esplosivo dell’emergenza sanitaria
sull’audience dei siti.

Questa fase non è priva di eccezioni come le categorie Home & Fashion nella settimana 11-17 maggio e Family & Lifestyle nella settimana 25-31 maggio i cui i picchi sono da attribuire a performance positive di singoli siti.

Nuova normalità: cali per i brand come conseguenza della riapertura

Dal 3 giugno, infine, con la totale riapertura della mobilità interregionale, si torna di fatto alla nuova normalità. Un contesto differente rispetto a quello di inizio emergenza in cui le categorie mostrano valori che si riavvicinano a quelli di inizio febbraio.

Infatti, analizzando il trend dei dati Audiweb Week della settimana dall’1 al 7 giugno appena pubblicata rispetto alla precedente, si notano complessivamente dei cali sulla gran parte dei brand. Queste variazioni devono essere lette alla luce dell’uscita dalla fase di piena emergenza e all’avvio della fase di riaperture degli spostamenti interregionali, quindi come una naturale conseguenza rispetto al contesto di emergenza.

Corriere.it è il sito di news più letto nella settimana dall’1 al 7 giugno

Per quanto riguarda le categorie composte da più di 10 brand si osservano dati in calo per tutte ad eccezione di Family & Lifestyle che è stabile con un +1%. La categoria News & Information fa registrare -2% mentre la sottocategoria Current Events & Global News cala del -6%.

Rispetto al periodo pre-Covid dai dati della settimana tra l’1 e il 7 giugno emerge un valore ancora sostenuto per News & Information (+24%) trainata da Current Events & Global News (+28%) categoria per la quale la prima settimana di giugno, complici anche le notizie delle riaperture e le notizie di politica, ha rappresentato ancora un periodo di forte crescita.

Dati ancora elevati anche per Home & Fashion (+23%) trainati principalmente dai siti della sotto-categoria Food & Cooking e una leggera crescita per Family & Lifestyle. Resta invariata la categoria Entertainment rispetto al periodo pre-Covid; a determinare tale andamento è soprattutto la sottocategoria Broadcast Media che, in concomitanza con la fine della stagione televisiva, inizia a registrare i primi dati in contrazione.

Tra i brand, quello con il maggior numero di utenti unici è ilMeteo con 17,8 milioni, seguito dai siti di informazione Corriere.it, con 13,3 milioni, La Repubblica con 12,5, TGCom con 11,3, Il Messaggero, Fanpage e Il Fatto Quotidiano.

Qui la tabella (clicca sull’immagine per ingrandire):

Clicca sull'immagine per ingrandire
Clicca sull’immagine per ingrandire

Anche per quanto riguarda i dati “Video” degli editori iscritti a questa rilevazione nella settimana 1-7 giugno si registra il medesimo trend evidenziato per i dati “Text”, con dati in calo per quasi tutti i brand che tendono a ritornare verso i livelli pre-emergenza.

I primi brand per utenti unici in questo caso sono TGCom24 e Fanpage. Qui la tabella (clicca sull’immagine per ingrandire):

Clicca sull'immagine per ingrandire
Clicca sull’immagine per ingrandire

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial