• Programmatic
  • Engage conference

24/02/2020

Zalando dichiara guerra agli stereotipi nella nuova adv

In onda dal 23 febbraio l'adv sarà diffusa, oltre che in tv, anche attraverso social media, stampa, affissioni e canali Zalando, secondo una pianificazione curata internamente. Firma Mother

zalando-pe-20.jpg

Zalando lancia la nuova campagna pubblicitaria dedicata alla primavera 2020. In onda dal 23 febbraio l'adv sarà diffusa, oltre che in tv, anche attraverso social media, stampa, affissioni e canali Zalando, secondo una pianificazione curata internamente. Firma Mother. Con questa nuova comunicazione l'ecommerce sfida uno dei maggiori ostacoli alla diversità e alla libertà: gli stereotipi, con l’idea di farne un ricordo del passato. L'obiettivo è incoraggiare la conversazione sugli stereotipi culturali che ancora condizionano quest’epoca, sottolineando l’importanza di sentirsi pienamente se stessi. Il messaggio "Goodbye stereoptypes. Hello Zerotypes" rafforza il posizionamento Free to be di Zalando, incoraggiando tutti ad essere autentici e liberi di esprimere se stessi, senza lasciarsi condizionare da nessuno su cosa pensare, sentire o indossare. L’ispirazione creativa della campagna rispecchia la realtà. Da uno studio di Zalando condotto in collaborazione con YouGov su specifici mercati, infatti, è emerso che l'89% delle persone considera la società fortemente condizionata dagli stereotipi, presenti secondo il 57% degli intervistati in film e programmi televisivi e secondo il 60% nella pubblicità. Partendo da questi dati, Zalando ha voluto contribuire a lanciare un messaggio di cambiamento con una campagna che invita tutti a sostituire gli stereotipi con gli “Zerotypes”, liberandosi da ogni condizionamento. I Paesi che più considerano che la società sia ancora condizionata dagli stereotipi sono l’Italia (53%), la Francia (56%) e la Germania (54%), mentre in Polonia (56%), Svezia (51%) e Spagna (54%) la maggior parte delle persone è d'accordo sul fatto che gli stereotipi continuino ad esistere, ma meno rispetto al passato. Quando si tratta di esperienze personali di stereotipi nei vari paesi, i luoghi più comuni in cui le persone hanno dichiarato di essere state stereotipate sono il luogo di lavoro (53%), o all'interno di una dinamica familiare o amicale (48%). "Come piattaforma di moda e lifestyle leader in Europa, con oltre 29 milioni di clienti, vogliamo celebrare l’unicità di ciascuno e contribuire ad una società senza stereotipi", afferma Jonny Ng, Direttore Marketing Strategy & Campaigns di Zalando. "Per la nostra campagna primavera 2020 vogliamo celebrare gli "Zerotypes”, l’opposto degli stereotipi, con la convinzione che le persone dovrebbero essere libere di essere come sono, senza porsi nessun limite”. https://youtu.be/_AJ3hEtpAZ4

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI