Via alle Olimpiadi di Sochi. Anche Big G “cavalca” la protesta anti-omofobia

Mountain View celebra l’apertura dei Giochi invernali con un esplicito “Doodle” contro le leggi russe, mettendosi alla testa di una denuncia manifestata anche da altri brand Usa come AT&T

di Lorenzo Mosciatti
07 febbraio 2014
Doodle-Sochi-Italia

Con il via alla Cerimonia d’apertura al Fisht Olympic Stadium hanno ufficialmente preso il via i Giochi Olimpici di Sochi.

Un evento planetario per cui non poteva mancare l’ormai consueto “Doodle” dedicato, ma la scelta di Google è stata netta e sorprendente: Mountain View ha infatti deciso di celebrare l’apertura dei Giochi invernali schierandosi esplicitamente nella polemica contro le leggi omofobe della Russia di Putin che sta accompagnando ormai da settimane l’avvicinamento alla manifestazione.

Per non rischiare fraintendimenti, oltre all’immagine c’è anche una didascalia, questa:

“La pratica dello sport è un diritto umano. Ogni individuo deve avere la possibilità di praticarlo, senza discriminazioni di alcun genere e nello spirito olimpico, che esige mutua comprensione con spirito di amicizia, solidarietà e fair play (Carta Olimpica)”.

Il Doodle appare anche nella pagina russa del motore di ricerca.

L’iniziativa pone Google come capofila della protesta di alcuni brand, in particolare americani, che hanno deciso di cavalcare l’onda della denuncia anti omofobia.

Pochi giorni fa, infatti, AT&T attraverso il suo blog si è apertamente schierata a favore dei diritti della comunità LGBT (lesbian, gay, bisexual and transgender), condannando la legge russa come “Dannosa verso gli individui LGBT e le loro famiglie, e dannosa verso una società diversa”.

Oltre al colosso delle telecomunicazioni, altri due sponsor della spedizione olimpica americana (come AT&T) hanno preso ufficialmente posizione, la DeVry University e il brand di yogurt Chobani. Mentre è stata complessivamente più prudente la posizione scelta dei principali sponsor delle Olimpiadi stesse, da Coca-Cola a McDonald’s, che hanno tutti rilasciato comunicati per affermare genericamente la propria contrarietà alle discriminazioni omofobe, ma senza mai menzionare la Russia e le sue leggi.

Le polemiche non hanno comunque fatto passare la voglia di comunicare ai brand, almeno in Italia. Pochi giorni fa infatti Daniele Ottier, direttore Sky Advertising, ha confermato che su Sky, che nel nostro Paese detiene i diritti in esclusiva, “Tutti i principali brand, per raggiungere i loro target di riferimento, hanno confermato la loro presenza”.

Su Sky Sport HD il racconto dell’Olimpiade Invernale di Sochi avverrà grazia a 5 canali interamente dedicati e una copertura del 100% degli eventi live da podio con la diretta di 560 ore di eventi. L’offerta propone poi il Mosaico Olimpico Interattivo, la visione in mobilità grazie a Sky Go e la copertura social con l’hastag #SkyOlimpiadi per seguire in tempo reale i Giochi anche su Twitter e Facebook.

Infine, grazie all’accordo siglato tra Sky e Telecom Italia, i Giochi Olimpici di Sochi 2014 si potranno vedere anche su smartphone e tablet attraverso le reti broadband e ultrabroadband di Tim.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.